Accorato appello di una donna che ha perso la madre a causa del Covid

“Non sottovalutate il virus, mia madre non ce l'hanno potuta nemmeno far vedere prima di chiuderla nella bara”

 SILVIA PASQUALETTI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Abbiamo ricevuto una mail, da parte di una donna poggibonsese che ha purtroppo di recente perso la madre 67enne a causa del Covid 19. Si rivolge a chi alla pandemia non ci crede, a chi la “prende con leggerezza”; la sua è una testimonianza di quelle che fanno male, perché nonostante l’attenzione che lei e tutta la sua famiglia aveva avuto, non è bastato: questo appello è un richiamo all’attenzione, perché possa non capitare ad altri.

Riportiamo integralmente la sua lettera:

"Salve, innanzitutto mi presento. Mi chiamo Letizia Rubetti di Poggibonsi, ho perso la mia mamma Silvia Pasqualetti causa Covid il 12 marzo 2021.

Volevo fare un appello ai negazionisti, no vax e tutta la gente che ancora non crede a questo virus e che lo sottovaluta. Chiedo anche di pubblicare questo articolo in memoria della mia mamma.

La mia famiglia è stata sempre attenta e rispettato le regole, ridotto al minimo i rapporti sociali, solo lavoro e spesa, l'unico rapporto  sociale era il mio fidanzato e la sua famiglia. La brutta storia è iniziata così, con un'influenza che avevano i miei genitori, io quasi niente solo un raffreddore. Abbiamo chiamato mio zio medico per fare il tampone ma il giorno dopo la mia mamma è peggiorata, non respirava bene, non mangiava da giorni, e ho chiamato il 118. Quello è stato l'ultimo giorno che l'ho vista. È stata ricoverata il 3 marzo, un giorno a Campostaggia poi successivamente portata alle Scotte a Siena ed è  passata dalla terapia più  lieve al casco e poi intubata, giorno dopo giorno sempre peggio, mai un miglioramento che speravamo, solo peggioramento. Questo virus le ha fatto fuori i polmoni, nonostante avesse solo 67 anni, era un soggetto sano, non aveva mai fumato, forse l'unica pecca un po' di difese immunitarie basse, ma a quell'età è normale sia così.

Noi non credevamo in quell'epilogo, visto che molti riescono a sconfiggere il virus anche se più anziani e con patologie. Siamo risultati tutti positivi nella mia famiglia e quella del mio fidanzato, io e lui asintomatici, i nostri genitori una piccola influenza, solo mia mamma ha avuto una reazione così grave.

Da quel giorno non l'ho più vista, l'ultima volta ho potuto salutarla al funerale grazie al fatto che mi ero già negativizzata, il mio babbo ancora positivo non è potuto venire. Non ce l'hanno potuta nemmeno far vedere prima di chiuderla nella bara. Una storia davvero straziante. Tutto all'improvviso come un incidente, una disgrazia".

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: Toscana in zona rossa per altri 15 giorni dal 6 aprile

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 3 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su