Diba '70 shop San Gimignano

Attacco no vax via Facebook al presidente del Consiglio regionale Mazzeo

Aveva denunciato su Facebook la comparsa di scritte contro i vaccini sulle pareti di una scuola ad Agliana

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

"Tutta la mia solidarietà e vicinanza al presidente Eugenio Giani per questa frase indegna comparsa oggi in una scuola di Agliana. Le offese dei no vax non fermeranno il nostro impegno per combattere tutti insieme il Covid. I vaccini hanno salvato molte vite, l'ignoranza dei no vax nessuna". Queste le poche parole che hanno fatto scattare l'attacco no vax contro il presidente del Consiglio regionale toscano Antonio Mazzeo. Un'azione programmata dai tanti account che hanno pubblicato immagini che fanno riferimento al regime nazista e all'Olocausto.

“A nome di tutta l’Asl Toscana sud est - dichiara il direttore generale Antonio D’Urso - desidero esprimere la più totale solidarietà al presidente del Consiglio Regionale Antonio Mazzeo, aggredito e minacciato per aver denunciato con forza e senso civico la deturpazione dei muri alla scuola Capitini di Agliana da parte dei gruppi No Vax.

Proprio nei giorni scorsi abbiamo celebrato la Giornata nazionale contro la violenza sugli operatori sanitari che è stata anche l’occasione per rendersi conto di quanto sia radicato l’odio verso chi con grande abnegazione, professionalità e umanità ogni giorno lavora per il bene di tutti. Questo nuovo attacco al presidente Mazzeo è un segnale di quanto pericolosamente si stanno alzando i toni di questa campagna.

Noi come professionisti della Sanità continueremo a fare il nostro dovere ora più di prima. Questa fase che precede la fine dello stato di emergenza, infatti, complice anche la drammatica situazione della guerra in Ucraina, sta creando tensioni e situazioni molto delicate. E’ fondamentale che tutte le istituzioni collaborino tra di loro per isolare queste frange violente. Queste settimane saranno cruciali per tutti noi”.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Covid, un nuovo percorso di tracciamento e diagnosi per le persone con bisogni speciali

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 14 marzo 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su