Diba '70 shop San Gimignano

Attività chirurgica al Rugani Hospital, 1.800 interventi effettuati dai professionisti dell'Aou Senese in un anno

Riorganizzati spazi e attività alle Scotte, liste di attesa ridotte e aumento delle prestazioni erogate: da settembre l’attività sarà riportata all'ospedale di Siena

 SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Bilancio positivo e ottimi risultati raggiunti grazie alla collaborazione tra l’Azienda ospedaliero-universitaria Senese e Rugani Hospital. Sono stati circa 1.800 gli interventi di chirurgia ambulatoriale effettuati per le specialità di Oculistica, Ortopedia e Otorinolaringoiatria in un anno di attività. «L’accordo, stipulato a giungo 2021, ha permesso ai nostri professionisti di svolgere attività di day surgery e chirurgia ambulatoriale alla Rugani, in modo da venire incontro alle necessità dei pazienti non urgenti che, a causa della pandemia da Covid-19, non avevano potuto effettuare le prestazioni all’ospedale Santa Maria alle Scotte in tempi brevi - spiega il direttore generale dell’Aou Senese, il professor Antonio Barretta - altro obiettivo dell’accordo, pienamente raggiunto, era quello di diminuire le liste di attesa e lasciare liberi in ospedale spazi operatori per interventi urgenti, di alta specializzazione e che necessitavano di ricovero».

In quest’anno, infatti, l’Aou Senese ha ristrutturato nuovi spazi all’interno dell’ospedale, per riportare, a partire da settembre, l’attività chirurgica ambulatoriale in sede. Al contempo, grazie all’attività della gestione operativa avviata a luglio 2021, c’è stata una diminuzione delle liste di attesa rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, grazie ad una riorganizzazione e ad un’attività di pulizia delle liste: 12% in meno in Otorinolaringoiatria e 50% in meno per l’Oculistica ambulatoriale. Aumentati inoltre gli interventi a maggior complessità con un incremento dei volumi delle prestazioni globali erogate pari a +32% in Otorinolaringoiatria e +17% in Oculistica, dove sono state effettuate 1.700 cataratte in più rispetto all'anno precedente, seppur con un incremento di 370 pazienti in lista in regime di ricovero. «Ringrazio Rugani Hospital - aggiunge Barretta - per averci consentito di usufruire di tutte le giornate concordate andando anche oltre il periodo definito per contratto, che abbiamo sforato anche per via del Covid e che concluderemo a settembre. La collaborazione tra aziende, enti e istituzioni, ancora una volta, risulta fondamentale per superare le criticità e i momenti di difficoltà».

«Esprimo la mia soddisfazione per aver supportato l’Aou Senese in un periodo estremamente difficile per il comparto sanitario - afferma Alessandro Callai, amministratore delegato di Rugani Hospital - il personale di Rugani Hospital ha pienamente collaborato con i colleghi dell’Aou Senese dimostrando che la collaborazione pubblico-privato può essere un modello che, in alcune situazioni critiche del sistema sanitario, risolve i problemi con efficienza ed efficacia senza necessariamente effettuare investimenti importanti ma soltanto con il buon utilizzo dell’esistente».
«I nostri pazienti hanno espresso massima soddisfazione per le cure e l’assistenza ricevuti alla Rugani - conclude la dottoressa Francesca De Marco, direttore sanitario dell’Aou Senese - sono stati assistiti dal nostro personale che li ha seguiti durante tutto il percorso, fino al follow up, garantendo loro comfort e accoglienza. L’accordo infatti è stato portato avanti nell’esclusivo interesse dei pazienti per far fronte comune contro il Covid-19».

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: 7 ingressi e 5 dimissioni nel reparto covid delle Scotte

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 6 luglio 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su