Autolinee Toscana vince la gara regionale sul trasporto locale in Regione. I mezzi saranno progressivamente rinnovati

La gara a lotto unico regionale per l'assegnazione dei servizi di trasporto pubblico su gomma in Toscana per i prossimi 11 anni è arrivata alla conclusione. La Commissione ha definito la graduatoria dei partecipanti e ha letto ufficialmente il nome dell'aggiudicatario del servizio: Autolinee Toscana spa, con un punteggio totale di 99,54 punti, dato dalla somma dei punteggi dell'offerta tecnica (59,54 punti) e dell'offerta economica (40 punti)

  • Condividi questo articolo:
  • j

La gara a lotto unico regionale per l'assegnazione dei servizi di trasporto pubblico su gomma in Toscana per i prossimi 11 anni è arrivata alla conlcusione. La Commissione ha definito la graduatoria dei partecipanti e ha letto ufficialmente il nome dell'aggiudicatario del servizio: Autolinee Toscana spa, con un punteggio totale di 99,54 punti, dato dalla somma dei punteggi dell'offerta tecnica (59,54 punti) e dell'offerta economica (40 punti). 

La commissione ha valutato positivamente anche il piano economico e finanziario sottoposto dall'altra azienda in gara, Mobit, che si è tuttavia classificata seconda con un punteggio di 94,03, dato dalla somma dei punteggi dati dall'offerta tecnica (60 punti) e dell'offerta economica (34,03). 

Cosa cambierà nel servizio - Si partirà con il rispetto della attuale rete dei servizi (106 milioni di km annui) e con l'uso di tutti i beni attualmente utilizzati e si passerà nel giro di 3 anni alla rete ottimizzata (98,5 milioni di km annui) nata dalla razionalizzazione delle linee e dal passaggio di alcuni servizi nei "lotti a domanda debole", gestiti direttamente dai Comuni. I mezzi saranno progressivamente rinnovati: entrambi i concorrenti si sono impegnati a sostituire nel corso degli 11 anni di contratto almeno 2.100 autobus dei più vecchi tra i 2.900 in servizio sul territorio regionale. Se a questi si aggiungono i rinnovi attualemnte in corso (ulteriori 400 bus) si avrà un totale di 2.500 autobus che consentirà di far scendere l'età media del parco bus toscano da 12 a 7 anni già nel primo quinquennio. Con evidenti vantaggi per la sicurezza e l'efficienza del servizio oltre che per la qualità dell'aria. 

Pubblicato il 25 novembre 2015

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su