Avviato il percorso di accoglienza e integrazione per 5 giovani immigrati sotto le torri

Firmati nei giorni scorsi 5 nuovi contratti di accoglienza per gli ospiti del progetto SAI che risiedono nell’appartamento messo a disposizione dalla Fondazione Gonfiantini Onlus

 SAN GIMIGNANO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Si consolida il modello partecipativo per l’integrazione degli immigrati sotto le torri. Firmati nei giorni scorsi 5 nuovi contratti di accoglienza per gli ospiti del progetto SAI (Sistema di Accoglienza e Integrazione), meglio conosciuto come ex Sprar, per altrettanti ragazzi stranieri che risiedono nell’appartamento nel centro storico di San Gimignano messo a disposizione dalla Fondazione Gonfiantini Onlus. «La firma del contratto rappresenta un impegno, condiviso da tutti i soggetti coinvolti, per un'accoglienza di tipo inclusivo – spiega Daniela Morbis, assessore alle politiche sociali del Comune di San Gimignano -, capace di dotare i beneficiari degli strumenti e delle possibilità per orientarsi ed entrare in contatto con il territorio, favorendo l'approccio dell'accoglienza diffusa che da anni caratterizza la Valdelsa».

I soggetti coinvolti nel progetto, oltre all’amministrazione comunale, sono Società della Salute Alta Valdelsa, Arci Siena con Arci regionale e già si sono tenuti gli incontri con i 5 ragazzi, 2 di loro provenienti dal Pakistan e gli altri 3 rispettivamente da Mali, Nigeria e Ghana. Grazie al progetto di accoglienza integrata, attivo sul comune di San Gimignano dal 2014, ogni migrante sarà ospitato per un periodo massimo di accoglienza di un anno (6 + 6 mesi) e potrà usufruire di una serie di servizi e attività volte a favorire l'integrazione sociale: mediazione linguistica, orientamento e accompagnamento lavorativo, abitativo e sociale. Durante lo stesso periodo i 5 ragazzi accolti dovranno realizzare, con l'aiuto degli operatori, progetti individuali mirati alla loro autonomia nel percorso di inserimento sociale e lavorativo.

Potrebbe interessarti anche: Covid, Chiusi zona rossa: individuate varianti del virus più aggressive

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 7 febbraio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su