Azione Poggibonsi: ''Diga di Cepparello: progetto necessario ed urgente''

''Clemente: Aspettiamo dal 2017 l’inizio dei lavori di potenziamento della diga di Cepparello, sperando che non venga un anno siccitoso''

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Riccardo Clemente (Azione Poggibonsi): “Nel 2017 era stato annunciato un investimento di 10 milioni di euro per il potenziamento della diga di Cepparello ma dopo 4 anni ancora non sono iniziati i lavori. Oggi possiamo riempire solo 50.000 metri cubi sui 450.000 possibili dell’invaso rischiando sempre di rimanere senza acqua in estate”.

"L’intervento annunciato nel 2017, doveva concludere il suo iter autorizzativo nel 2018, ma dopo tre anni siamo ancora alla fase di progettazione. Solo recentemente è stato approvato il progetto definitivo dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (4 Aprile 2021) ed attualmente è ancora al vaglio del Ministero della Transizione Ecologica per il rilascio dell’Autorizzazione Ambientale. Manca ancora il progetto esecutivo, la gara d’appalto e il vero inizio dei lavori".

"Con i cambiamenti climatici in atto, riteniamo prioritario e urgente questo intervento, che ci consentirebbe di non rimanere senz’acqua in caso di forte siccità. Il tema dell’approvigionamento, della qualità dell’acqua e della manutenzione della rete idrica comunale è un tema centrale per la nostra città che purtroppo assiste a continue perdite lungo le strade e sospensioni del servizio con grave danno alle attività commerciali ed industriali nonché disagi alle famiglie. Chiediamo al Sindaco Bussagli di seguire con attenzione l’iter autorizzativo e di attivarsi in tutte le sedi istituzionali per ottenere il prima possibile l’inizio di questi lavori di grande interesse pubblico, così come promesso in campagna elettorale".

Potrebbe interessarti anche: 75 nuovi casi di covid in provincia di Siena, 11 a Poggibonsi

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 30 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su