Bando per artisti per realizzare un'opera dedicata al Giglio di Castelfiorentino

Il bando, in pubblicazione per un mese, può essere scaricato integralmente dal sito del Comune di Castelfiorentino. Il tema scelto per l’opera che ornerà la rotonda di Via dei Profeti, quale primo spazio destinato ad ospitare un’opera d’arte come arredo e decoro urbano, è un simbolo locale, ovvero il Giglio di Castelfiorentino che racchiude secoli di storia e di legami con la città di Firenze

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Con l’obiettivo di valorizzare un punto strategico per il turismo e per la cittadinanza, ovvero la rotonda di Via dei Profeti, posta sul tracciato di fondovalle della Via Francigena e una sorta di “benvenuto” o “arrivederci” per i numerosi turisti e cittadini che sono di passaggio sul territorio comunale, l’Amministrazione di Castelfiorentino propone un bando rivolto ad artisti locali per la realizzazione di un’opera d’arte da collocare in loco.

Si tratta di un primo concorso di un programma teso a raccogliere progetti di ideazione e realizzazione di opere artistiche da collocare in luoghi di interesse e fruizione pubblica, attraverso cui il Comune intende valorizzare e incentivare la creatività di artisti locali, promuovendo allo stesso tempo una nuova cultura del bello e modalità innovative di decoro e arredo urbano utilizzando i linguaggi dell'arte contemporanea.

Il bando, in pubblicazione per un mese, può essere scaricato integralmente dal sito del Comune di Castelfiorentino. Il tema scelto per l’opera che ornerà la rotonda di Via dei Profeti, quale primo spazio destinato ad ospitare un’opera d’arte come arredo e decoro urbano, è un simbolo locale, ovvero il Giglio di Castelfiorentino che racchiude secoli di storia e di legami con la città di Firenze.

Al concorso possono partecipare artisti, in forma singola o associata, che abbiano compiuto il 18esimo anno di età. Ogni candidato potrà presentare una sola proposta progettuale. I progetti dovranno essere presentati attraverso un elaborato grafico a colori dell’opera in scala 1:20, un bozzetto plastico in scala libera, un’accurata relazione illustrativa, contenente la descrizione della proposta, dei materiali, dei colori, delle tecniche esecutive, dei tempi di realizzazione, delle modalità tecniche di installazione e messa in sicurezza dell’opera; campionatura del materiale utilizzato per l’esecuzione dell’opera d’arte e ogni altra documentazione che l’artista riterrà utile per presentare la sua proposta (per esempio render ecc.). Per maggiori dettagli si rimanda al bando integrale.

«Abbiamo deciso di promuovere questo concorso – dichiara il Sindaco Alessio Falorni – poiché siamo fermamente convinti che il tema del decoro sia di estrema attualità e che possa essere declinato cercando ispirazione nell’arte contemporanea e attraverso una maggiore condivisione con la comunità. Desideriamo infatti che più persone possibili siano partecipi di una nuova cultura del bello e crediamo che la promozione del territorio si realizzi anche attraverso la collocazione di opere d’arte significative. Il concorso va poi visto come un’opportunità concreta per i tanti artisti e creativi locali che contribuiscono con il loro estro e la loro attività artistica a dare impulso e lustro alla vita culturale della nostra comunità. Mi auguro pertanto che siano in tanti a partecipare, in particolare i più giovani e gli emergenti, per i quali il concorso può rappresentare davvero una vetrina importante».

Il Vicesindaco Claudia Centi tiene a evidenziare il tema su cui gli artisti sono chiamati a lavorare, ovvero il Giglio di Castelfiorentino. “Abbiamo ragionato molto sul tema, ma sono felice che la scelta sia poi ricaduta sul giglio, che ci ricorda il profondo legame che Castelfiorentino ha da sempre con la Città di Firenze, la più bella del mondo. Basti pensare a personaggi come Benozzo Gozzoli e Brunelleschi, la cui arte da Firenze è giunta fino a noi, al toponimo Castrum Florentinum, che testimonia l’influenza che Firenze ha esercitato fin dalle origini sul nostro territorio, alla comunanza di piatti tipici quali la trippa. A tale riguardo mi piace anche ricordare come Castelfiorentino abbia avuto l’onore di essere definita dal Sindaco di Firenze Nardella “la piccola Firenze””.

Gli artisti interessati a partecipare possono richiedere anche di poter effettuare un sopralluogo preventivo presso l'area individuata per la realizzazione della proposta progettuale. Il suddetto sopralluogo potrà essere effettuato dal 1 al 5 ottobre, previo appuntamento da richiedere almeno due giorni prima al seguente indirizzo sindaco@comune.castelfiorentino.fi.it

Gli elaborati dovranno essere consegnati a mano, per posta o tramite corriere in forma assolutamente anonima all’Ufficio Protocollo del Comune di Castelfiorentino entro le ore 10.00 del 15 ottobre 2018, in un unico imballo contenente la dicitura CONCORSO PER ARTISTI FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DI UN’OPERA D’ARTE DEDICATA AL GIGLIO DI CASTELFIORENTINO  DA COLLOCARE SULLA ROTONDA DI VIA DEI PROFETI.

In seguito, un'apposita commissione nominata dal Comune selezionerà il vincitore, che si impegnerà nei successivi due mesi a realizzare l’opera e consegnarla all’ente, in cambio di un premio di Euro 5.000,00 comprensivo della progettazione, del rimborso spese relative ai materiali e alla realizzazione dell’opera e di ogni altro onere o imposta di legge ad essa connesso.

Ulteriori informazioni possono essere acquisite tramite l’Ufficio Relazioni con il Pubblico email urp@comune.castelfiorentino.fi.it, tel. 0571 686341.

Pubblicato il 14 settembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su