Barberino, aperto il bando per il contributo affitto

L'Unione comunale del Chianti Fiorentino, estesa al Comune di Greve in Chianti, si mette al lavoro e inizia dalle Politiche per la Casa. Il primo bando, gestito in forma condivisa dai Comuni di Barberino Val d'Elsa, Greve in Chianti, San Casciano in Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa, è il concorso per l’assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione. Le famiglie residenti nei quattro Comuni hanno tempo al 31 maggio per presentare la domanda con la quale accedere al contributo per l'affitto che scaturisce da fondi regionali e in parte risorse comunali

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

L'Unione comunale del Chianti Fiorentino, estesa al Comune di Greve in Chianti, si mette al lavoro e inizia dalle Politiche per la Casa. Il primo bando, gestito in forma condivisa dai Comuni di Barberino Val d'Elsa, Greve in Chianti, San Casciano in Val di Pesa, Tavarnelle Val di Pesa, è il concorso per l’assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione. Le famiglie residenti nei quattro Comuni hanno tempo al 31 maggio per presentare la domanda con la quale accedere al contributo per l'affitto che scaturisce da fondi regionali e in parte risorse comunali. Complessivamente, quest'anno, il fondo messo a disposizione dalle amministrazioni comunali ammonta a 45mila euro.

Per presentare la domanda occorre essere residente nei Comuni dell’Unione, essere cittadino italiano o di uno Stato appartenente all’Unione Europea. Possono partecipare anche i cittadini di uno Stato non aderente all'Unione Europea, in possesso di carta o permesso di soggiorno. Altri due requisiti fondamentali sono il possesso dell'Isee dal quale risulti un valore ISE. Inoltre occorre essere titolare di un regolare contratto di locazione ad uso abitativo.

Tra i documenti obbligatori, il bando inserisce per la prima volta la richiesta del certificato di possidenza o meno da parte dei soggetti aderenti ad uno stato della Comunità Europea o di altri stati, relativamente alla proprietà di immobili nei paesi di origine. Lo stesso tipo di verifica viene effettuato dall'ufficio sui cittadini italiani attraverso la banca dati del catasto. Il documento è richiesto per ogni componente del nucleo familiare e deve esse presentato in forma tradotta e legalizzata. Il contributo verrà erogato a fine 2016, dopo che sarà stilata la graduatoria sulla base delle domande presentate e del contributo regionale che sarà trasferito ai Comuni.

Info: Ufficio Casa 055 8256267 il lunedì, il mercoledì ed il venerdì per l'Ufficio del Comune di San Casciano, al numero 055 8050807 il martedì ed il giovedì per l'Ufficio dei Comuni di Tavarnelle e Barberino e al numero 055/8545216 dal lunedì al venerdì per l'Ufficio del Comune di Greve. 

Pubblicato il 2 maggio 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su