Vivaio Il Roseto

Barberino Tavarnelle, un territorio millenario segnato dal passaggio dei giganti del Rinascimento

I capolavori e le opere dei geni del Rinascimento, Ghirlandaio, Michelangelo, Leonardo, presenti nel comune chiantigiano

 BARBERINO TAVARNELLE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Sulle tracce dei giganti dell'arte e dell'ingegno. Quello di Barberino Tavarnelle è un territorio millenario segnato dal passaggio di alcuni dei più grandi artisti e geni della storia, da Leonardo da Vinci con le sue dighe, progettate e realizzate lungo il torrente Agliena, nella valle dei manufatti acquedottistici monumentali, a Michelangelo presente con un Crocifisso ligneo a Badia a Passignano e il grande Domenico Ghirlandaio con l'affresco che decora la sala del refettorio nel complesso monastico di Badia a Passignano. Il sindaco David Baroncelli invita a visitare e vivere le testimonianze della grande cultura che caratterizza Barberino Tavarnelle.

Iniziamo dalle antiche briglie (foto di copertina), ripulite alcuni anni fa per volontà del Comune dal Consorzio di Bonifica 3 Medio Valdarno.Sono ventisette le opere idrauliche alcune delle quali risalenti all’anno Mille, situate tra il Parco della Spinosa e Spoiano. “Le briglie sono antiche costruzioni - spiega il primo cittadino - utilizzate come dighe presenti lungo i torrenti Agliena e Borraccio. Nel 1540 furono oggetto di studio da parte di Leonardo Da Vinci (1452-1519) che ne lasciò memoria nel Codice Hammer”. La bellezza monumentale delle opere idrauliche, inserita nel contesto ambientale dell'area abbracciata dal Chianti e dalla Valdelsa, accentua le potenzialità turistiche e le opportunità di fruizione da parte del cicloturismo e della sentieristica che è stata appena tracciata dal Comune in collaborazione con il Cai.

Le briglie leonardesche sono al centro di uno dei sei itinerari valorizzati e promossi dal Comune, frutto del progetto che ha tracciato e individuato la nuova sentieristica di Barberino Tavarnelle. Domenico Ghirlandaio (1448-1494) è un altro protagonista dell'arte italiana profondamente legato al territorio. "L'artista ha dipinto insieme al fratello Davide, nella seconda del 1400, - precisa il sindaco - uno straordinario e monumentale affresco, Il Cenacolo (foto sopra interna), da ammirare in tutto il suo splendore nella sala del Cenacolo dell'Abbazia di Badia a Passignano, uno dei complessi monastici più antichi e prestigiosi d'Italia. L’allievo del Ghirlandaio, il giovane Michelangelo Buonarroti (1475-1564), è presente nei territori del Chianti con una doppia testimonianza. Un crocifisso ligneo è attribuito all’artista rinascimentale dalla tradizione, esposto nell’abbazia di Badia a Passignano, come anche una supposta Pietà affrescata nella chiesa di Marcialla, intorno alla quale tutt’ora ruotano varie ipotesi sulla paternità”. Anche Galileo Galilei (1564-1642) legò il suo nome al territorio Barberino Tavarnelle. Il grande fisico e astronomo insegnò nell’abbazia di Badia a Passignano. I suoi allievi furono i monaci vallombrosani ai quali impartì le leggi “dei cerchi, dei triangoli e di altre figure geometriche”.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Vivi Siena 2022, la rassegna musicale estiva arriva in Piazza Matteotti

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 25 agosto 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su