Bigné giganti, una ricetta facile e golosa

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Ingredienti

- 300gr farina
- 200gr burro
- 100gr acqua
- 6 tuorli


Procedimento

Versate in una casseruola l'acqua il burro a cubetti e portate il tutto ad ebollizione.

A questo punto aggiungete la farina a pioggia in un colpo solo e mescolate con un mestolo di legno. Non abbiate paura dei grumi e mescolate rapidamente, quindi cocete il roux fino a che non si sarà creata una patina bianca sul fondo del pentolino, ci vorranno almeno 2-3 minuti. 

Trasferite l'impasto così ottenuto in una ciotola e aggiungete un uovo alla volta mescolando sempre con  per incorporarlo. Non preoccupatevi se all'inizio l'impasto sembrerà separato, continuando a mescolare.

Trasferitelo poi all'interno di una sacca da pasticcere, dotata di bocchetta liscia da 12-13 mm. A questo punto prendete una leccarda da forno e foderatela con la carta forno; per fermarla bagnate  la teglia ed adagiate la carta. Distanziandoli tra di loro formate delle porzioni di pasta della grandezza a vostro piacere.

con un dito leggermente bagnato schiacciate leggermente la superficie delle palline in modo da appiattire la punta dei bignè.

Cocete in forno statico pre-riscaldato a 220° per circa 15 minuti, fino a che non saranno ben dorati. Evitate di aprire il forno in questa fase. Trascorso questo tempo terminate la cottura a 180° per altri 15-20 minuti, simulando la valvola aperta incastrando una pallina di carta argentata tra lo sportello e la struttura del forno. Se preferite cuocere i bignè in modalità ventilata sarà necessario scaldare il forno a 220°; una volta caldo, abbassate la temperatura a 180° e infornate i bignè: cocete per circa 20-25 minuti. Sfornate i bignè e lasciateli raffreddare prima di utilizzarli. 



Mattia Compagnucci. Classe 1996, cresce a contatto con la natura. La sua famiglia è proprietaria di un'azienda che produce vino e olio da oltre sessantacinque anni. Ha frequentato l'istituto alberghiero "Federigo Enriques" di Castelfiorentino, dove si è diplomato con una tesina dal titolo "L'influenza del cibo nella letteratura e televisione", intrecciando le sue due passioni, ovvero la cucina e la scrittura. Nel 2017 pubblica il suo primo romanzo giallo, Questione d'onore, ambientato a Firenze che narra le vicende dell'ispettrice Adele Hope Olivieri. 

Nel 2018 inizia a curare rubriche di cucina per vari giornali, fino alla nascita del suo blog "La Buona Penna", dove non solo parla di ricette ma anche di lettura e aneddoti. Un incontro perfetto che lo ha portato recentemente come ospite nel programma "Casa Alice insieme".

 

Pubblicato il 24 giugno 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su