Bilancio 2020, Salvadori: «Conti a posto, più risorse per il sociale, attenzione prioritaria alla scuola»

«Continuiamo a portare avanti l'azione progettuale per essere pronti a cogliere ogni opportunità di investimento - dice Salvadori - Diamo continuità al complesso dei servizi per istruzione e sociale dove l'investimento sale anche con l'aumento della quota capitaria per la Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa, che si traduce in un incremento di circa 50mila euro. Fondamentale la conferma di tutte le esenzioni, elemento centrale per la promozione della persona che passa dal mantenimento di tutti i servizi e che si accompagna alla promozione del territorio mantenuta nelle sue declinazioni e con un svolta in chiave di sostenibilità quale elemento centrale delle politiche promosse».

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Sì del Consiglio Comunale al Bilancio di previsione 2020-2022. «Un previsionale in cui resta inalterato tutto il complesso dei servizi alla persona - ha detto l'assessore Susanna Salvadori che ne ha dato illustrazione in aula - senza alcune manovra in entrata ovvero senza nessuna aumento di tasse e tariffe. Un Bilancio in cui si conferma l'attenzione prioritaria alla scuola e si prosegue l'azione progettuale e di attrazione di risorse che ha caratterizzato gli ultimi anni dell'Amministrazione». Il Bilancio, con tutti gli atti collegati (aggiornamento Documento Unico di Programmazione 2020-2022, aliquote Irpef, Imu e Tasi) è stato approvato in Consiglio in seguito ad una lunga e articolato discussione. Hanno votato sì i gruppi di maggioranza (Partito Democratico, Poggibonsi Può e Vivacittà), ha votato no l'opposizione (Lega Salvini Premier e Civiche Insieme).

«Questo è un atto - dice Salvadori - da leggere in prospettiva ma anche in continuità con quanto realizzato in questi anni. Un lavoro che prosegue e proseguirà per concretizzare la nostra idea di sviluppo della città e del territorio. Una visione complessiva che necessariamente coinvolge aspetti di natura sovracomunale come il fabbisogno di infrastrutture, il tema dei servizi pubblici, la sostenibilità ambientale e tanto altro. Allo sviluppo economico, che è sociale e urbano, concorre un complesso di investimenti pubblici, interventi, azioni a 360 gradi che abbiamo promosso e continueremo a promuovere. Basti pensare al complesso delle risorse attratte e riversate sul territorio che ammonta in questi anni a circa 30milioni di euro».

«Entrando nel dettaglio il Bilancio approvato, i saldi sono invariati, gli equilibri mantenuti, senza deficit e con un bassissimo livello di indebitamento. Proseguiamo l'opera di riqualificazione che ci vede al lavoro in piazza Berlinguer e che vede l'introduzione nel 2020 di nuovi interventi in centro - dice l'assessore - Si conferma l'attenzione alla scuola dove va avanti un percorso che ci vede impegnati in questa fase alla Leonardo da Vinci e a Staggia, con interventi già in corso e finanziati, e che vede nel 2020 l'inserimento delle opere di urbanizzazione per la nuova scuola di via Aldo Moro, per cui la progettazione è in corso». Nel dettaglio il piano delle opere pubbliche per quanto riguarda il 2020 supera 1,7 milioni di euro. Ne fa parte la manutenzione di piani viabili e arterie stradale (100mila euro), la riqualificazione delle vie del centro che prosegue con piazza Amendola e seconda parte di via Frilli (350mila euro), la sistemazione area a parcheggio in via della Pace a Staggia (165mila euro), le opere di urbanizzazione per la nuova scuola di via Aldo Moro (700mila euro), il terzo lotto della riqualificazione energetica edifici pubblici e altre opere sotto come le manutenzioni straordinarie di impianti sportivi e del ponte sulla strada di Monsanto. 

«Continuiamo a portare avanti l'azione progettuale per essere pronti a cogliere ogni opportunità di investimento - dice Salvadori - Diamo continuità al complesso dei servizi per istruzione e sociale dove l'investimento sale anche con l'aumento della quota capitaria per la Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa, che si traduce in un incremento di circa 50mila euro. Fondamentale la conferma di tutte le esenzioni, elemento centrale per la promozione della persona che passa dal mantenimento di tutti i servizi e che si accompagna alla promozione del territorio mantenuta nelle sue declinazioni e con un svolta in chiave di sostenibilità quale elemento centrale delle politiche promosse». «Un Bilancio definito in un quadro di risorse scarse e in quadro normativo in perenne evoluzione e su cui dovremo sicuramente tornare», chiude Salvadori.

Pubblicato il 1 gennaio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su