Bobby Solo a Liberacollarte fa rivivere Johnny Cash

Anche in questa edizione la musica la fa da padrone con un'offerta ampia e variegata che spazia dal rap, al punk, dal jazz all'hard rock

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Mancano pochi giorni a sabato 14 settembre e c'è grande, grandissima attesa per Liberacollarte. La manifestazione, organizzata dall'Associazione The B-Side e dall'Amministrazione comunale di Colle di Val d'Elsa, torna dopo sei anni di pausa per regalare nuovamente alla città una delle iniziative più apprezzate e conosciute nel nostro territorio, ricca di mostre, spettacoli, concerti.

Anche in questo caso la musica la fa da padrone con un'offerta ampia e variegata che spazia dal rap, al punk, dal jazz all'hard rock. Tra gli ospiti più attesi c'è senza dubbio Bobby Solo per celebrare, insieme ai BroadCash, uno dei tributi più suggestivi e fedeli al celebre cantautore Johnny Cash.

Lo scorso anno, in occasione del cinquantesimo anniversario di "Live at Folsom Prison", il cantante di Una lacrima sul viso e la giovane band hanno inciso un disco per l'etichetta Area Pirata con alcuni dei brani più famosi dell'artista statunitense.

Bobby Solo, all'anagrafe Roberto Satti, è un'icona della canzone italiana degli anni Sessanta. Da sempre appassionato di country rock'n'roll, è stato uno dei primi a importare questo genere di musica in Italia. Con questo nuovo progetto, alla bella età di 73 anni, dimostra non solo di avere ancora una gran voce ma sopratutto di volersi mettere in gioco.  Ha dichiarato di aver conosciuto Johnny Cash in Germania nel 1967, quando si trovava a Francoforte per lavoro. «Mi ha dato una mano che sembrava una fiorentina - ha raccontato durante un concerto, come riporta La Voce di Asti -. Noi non siamo una tribute band a Johnny Cash, ma una compagnia teatrale che gli rende omaggio in musica».

I BoradCash sono Yari Spadoni (chitarra acustica e voce), Matteo Gioli (chitarra elettrica), Francesco Lazzerini (contrabbasso) e Lorenzo Cotrozzi (batteria).

Nel repertorio non mancheranno grandi pezzi come Walk the line, Cru, cry, cry, Big river, Ring of fire. E chissà se ci sarà spazio anche per qualche hit italiana di una volta.

L'appuntamento è sabato 14 settembre, in Piazza Arnolfo, alle ore 22.30. Ingresso gratuito.

Clicca qui per vedere il programma completo

 

Per informazioni:
Facebook Liberacollarte Festival
email bside2004@hotmail.com

Pubblicato il 9 settembre 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su