Vivaio Il Roseto

Camperistica: in Toscana 255 posti di lavoro in meno in un anno, l'allarme di Fiom sul settore

Camperistica, in Toscana 255 posti di lavoro in meno in un anno (il 10%). La Fiom chiede un tavolo all'unità di crisi della Regione: ''Il settore arretra in occupazione e capacità produttiva, e non avanza in termini di diritti e tutele per la forza lavoro''

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nella sola regione Toscana, confrontando i dati di luglio 2022 con quelli dello stesso mese del 2021, nel settore della camperistica abbiamo perso il 10% di occupazione, circa 255 posti di lavoro meno; di questi 255 solo 185 hanno il diritto di priorità di richiamo e stabilizzazione per accordo sindacale, mentre i rimanenti 70 sono fuori in balia dell’incertezza delle forniture degli chassis.

A questo quadro va aggiunto che i contratti precari, temporaneamente rinnovati, sono a tutti gli effetti strutturali alla tenuta minima del distretto ma con nessuna certezza per il futuro.

Poco importa se una parte anche residuale di quel segno meno è dovuto a pensionamenti o dimissioni volontarie, sta di fatto che la Camperistica, per effetto della mancanza di materie prime e la difficoltà di fornitura da parte delle case costruttrici di chassis, attualmente arretra in termini di occupazione e capacità produttiva, e non avanza in termini di diritti e tutele per la forza lavoro non utile nel picco di produzione ma nella sua strutturalità produttiva attuale, che è indispensabile alla tenuta stessa del sistema.

Quando per primi, mesi fa, chiedemmo un percorso unitario a FIM CISL e UILM UIL con la necessità di una presa di responsabilità del governo e delle istituzioni regionali e locali, era proprio perché si evitasse che la crisi venisse pagata dai più deboli come purtroppo sta accadendo nel settore.

Riteniamo necessario, in coerenza con il documento unitario prodotto insieme a FIM CISL Toscana e UILM UIL Toscana, chiedere un tavolo all’unità di crisi regionale che riguardi tutti gli attori, dalle istituzioni alle organizzazioni sindacali, ai produttori e le loro associazioni come l’APC, perché la situazione sembra non destinata a migliorare a breve tempo e tutti abbiamo l’obbligo e la responsabilità di mettere in campo azioni e soluzioni che premettano di tutelare il settore, la sua capacità produttiva e il futuro di chi ci lavora e lo dobbiamo fare partendo dai più deboli, solo cosi possiamo essere sicuri di difendere tutti.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Sangue, la donazione del governatore Giani per la campagna estiva Avis

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 6 agosto 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su