Casole, Giordano Pieroni candidato della lista civica di centrosinistra 'CasoleSInsieme'

Il percorso per la presentazione di una lista di professionisti e giovani è iniziato circa sei mesi fa. «Quello che presenteremo presto è un gruppo eterogeneo anche per età - ha spiegato -, composto da persone di sinistra che si rivedono nei valori della nostra Costituzione. Il programma non è ancora definitivo, abbiamo toccato quelli che secondo noi sono i temi fondamentali: ambiente, economia, scuola, sanità, cultura, turismo»

  • Condividi questo articolo:
  • j

È Giordano Pieroni il candidato sindaco della lista civica “CasoleSInsieme” per le prossime elezioni amministrative nel piccolo borgo valdelsano. Il nome sottolinea il forte legame tra Casole e il metodo adottato per fare politica, ovvero in un gruppo di persone in cui le decisioni sono condivise in maniera collettiva. Ne fanno parte il Partito Democratico, ma anche altri cittadini che non si identificano nelle linee del partito di Zingaretti.

Giordano Pieroni è nato a Casole d’Elsa nel 1952. Sei anni dopo, con lo spopolamento delle campagne, si è spostato nella vicina Poggibonsi con una parte della famiglia, ma a Casole è sempre rimasto legato. Non ha perso mai occasione, infatti, per venire a trovare i parenti o per trascorrere qui le estati. Aveva già partecipato alle primarie cinque anni fa, vinte poi per una decina di voti dall’attuale capogruppo in consiglio comunale Teri Carli.

«C’era bisogno di trovare un punto di riferimento – ci ha spiegato il candidato – e quando mi è stato chiesto di candidarmi ho accettato di buon grado. Penso che quest’Amministrazione abbia penalizzato i contatti con le associazioni culturali e organizzatrici di eventi e, soprattutto, con le periferie, lasciando indietro la manutenzione (basti pensare all’Arco di Monteguidi, per esempio). Penso inoltre che sia stata rivolta poca attenzione allo sviluppo di una agricoltura di qualità legata alle risorse offerte dal territorio».

Il percorso per la presentazione di una lista di professionisti e giovani è iniziato circa sei mesi fa. «Quello che presenteremo presto è un gruppo eterogeneo anche per età – ha aggiunto -, composto da persone di sinistra che si rivedono nei valori della nostra Costituzione. Il programma non è ancora definitivo, abbiamo toccato quelli che secondo noi sono i temi fondamentali: ambiente, economia, scuola, sanità, cultura, turismo».

Alessandra Angioletti

Pubblicato il 12 aprile 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su