Casole: nuovo mezzo attrezzato per la Valle del Sole grazie alle aziende del territorio

La Valle del Sole nasce come associazione nel febbraio 1986, con l'obiettivo di organizzare soggiorni vacanza per minori e giovani, su percorsi legati all'ambiente e alla creatività. Nel corso del tempo le sue attività si sono spostate su interventi rivolti all'ambito sociale, in collaborazione con le Usl e i Comuni, per migliorare la qualità della vita, lo sviluppo dell'autonomia e della dignità delle persone che vivono in condizione di disagio e di emarginazione sociale

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Ieri, lunedì 9 giugno, alla cooperativa Valle del Sole di Casole d'Elsa si è tenuta la cerimonia di consegna del nuovo mezzo attrezzato per il trasporto di persone diversamente abili. Un fiat Doblò gratuito, in comodato d'uso per quattro anni, grazie al contributo delle aziende di Casole, Colle, Poggibonsi e San Gimignano.

La Valle del Sole nasce come associazione nel febbraio 1986, con l'obiettivo di organizzare soggiorni vacanza per minori e giovani, su percorsi legati all'ambiente e alla creatività. Nel corso del tempo le sue attività si sono spostate su interventi rivolti all'ambito sociale, in collaborazione con le Usl e i Comuni, per migliorare la qualità della vita, lo sviluppo dell'autonomia e della dignità delle persone che vivono in condizione di disagio e di emarginazione sociale e/o personale e/o che presentano forti problemi derivanti dal loro stato psicofisico.

I servizi che la cooperativa offre toccano differenti aspetti della vita quotidiana delle persone in difficoltà, come abitazione, studio, lavoro, divertimento e quanto altro è necessario ad uno sviluppo della qualità della vita e in funzione della valorizzazione dei diritti delle persone più deboli. "Casa-Fattoria" è il più importante di questi. E' rivolto a giovani diversamente abili della zona Alta Valdelsa e non solo, con lo scopo di promuovere e sostenere l'autonomia dei disabili attraverso modalità operative verso il miglioramento delle loro capacità lavorative, socializzanti e di relazione interpersonali.

L'iniziativa di ieri, frutto del lavoro portato avanti nell'ambito dei "Progetti del cuore", è stata anche l'occasione per far vedere la struttura ai rappresentanti delle attività del territorio che hanno sostenuto il progetto. La responsabile della Cooperativa Maria Luisa Mion, il sindaco del Comune di Casole d'Elsa Piero Pii e l'assessore alle Politiche Sociali del Comune di Poggibonsi Filomena Convertito hanno poi consegnato loro un attestato di riconoscimento.

Pubblicato il 10 luglio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento