Castelfiorentino, già disponibile il registro per il testamento biologico

«Siamo pronti con il Registro che accoglierà le dichiarazioni sul Testamento Biologico - sottolinea l'Assessore alla Sanità del Comune di Castelfiorentino Alessandro Tafi - grazie a una legge approvata recentemente dal Parlamento e che mi rende particolarmente fiero, perché si tratta di una battaglia che mi ha visto impegnato in prima persona in passato in qualità di Presidente del Comitato Etico di Pisa»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il Comune di Castelfiorentino è già pronto ad accogliere nell'apposito Registro previsto dalla legge (entrata in vigore il 31 gennaio) le "Disposizioni Anticipate di Trattamento" (DAT), che regolano la manifestazione della volontà in materia di trattamenti sanitari, in previsione di un'eventuale futura incapacità di intendere e di volere.

La persona interessata può manifestare la propria volontà con la più ampia libertà di forma scritta, mediante atto pubblico, con scrittura privata autenticata, o ancora - più semplicemente - attraverso scrittura privata consegnata personalmente presso l'Ufficio di Stato Civile (Anagrafe) del Comune di residenza. In quest'ultimo caso, il cittadino residente a Castelfiorentino deve consegnare la DAT personalmente e in busta chiusa all'Ufficio Demografico, munito di un documento di identità valido. Si ricorda che nella DAT il cittadino interessato può indicare una persona di sua fiducia detta fiduciario, che lo rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie. Se nella DAT è indicato il fiduciario, al momento della consegna dovrà essere presente anche il fiduciario (anch'egli munito di documento di identità valido). Entrambi dovranno infatti sottoscrivere una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

Nel caso in cui le condizioni fisiche della persona interessata non consentissero la redazione delle DAT in forma scritta, esse potranno essere espresse attraverso videoregistrazione o dispositivi che consentano alla persona con disabilità di comunicare.

E' importante ricordare, in ogni caso, che tutte le manifestazioni di volontà sono rinnovabili, modificabili e revocabili in qualsiasi momento, e che il medico può disattenderle nel caso in cui - ad esempio - vengano scoperte in seguito terapie in grado di offrire concrete possibilità di miglioramento delle condizioni di vita. Ulteriori informazioni sono disponibili nella guida on line consultabile sul sito del Comune di Castelfiorentino, oppure anche in cartaceo, reperibile presso l'URP e l'Ufficio Demografico. 

«Siamo pronti con il Registro che accoglierà le dichiarazioni sul Testamento Biologico - sottolinea l'Assessore alla Sanità, Alessandro Tafi - grazie a una legge approvata recentemente dal Parlamento e che mi rende particolarmente fiero, perché si tratta di una battaglia che mi ha visto impegnato in prima persona in passato in qualità di Presidente del Comitato Etico di Pisa. Ricordo, in particolare, un convegno a Volterra nel 2006, che ebbe una risonanza nazionale. Ci sono voluti dieci anni, ma adesso c'è finalmente una legge della Repubblica: una grande conquista di civiltà».

Pubblicato il 2 febbraio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su