Castelfiorentino, grazie all'autovelox a Cambiano e Petrazzi nessun incidente negli ultimi 12 mesi

«Le postazioni “Speed Check” – sottolinea il Sindaco del Comune di Castelfiorentino, Alessio Falorni – sono risultate una buona scelta: non avevamo in mente l'obiettivo di fare “cassa”, ma quello di far rispettare i limiti di velocità e quindi prevenire gli incidenti, che mettono a repentaglio sia l’incolumità degli automobilisti che quella dei pedoni, compresi coloro che abitano nelle frazioni interessate»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Quando si parla di incidenti stradali, si sa, è sempre buona norma fare i debiti scongiuri. Ma le statistiche, per ora, parlano chiaro: gli autovelox posizionati nel 2015 sulla 429 all’altezza di Cambiano e Petrazzi stanno ben svolgendo il loro compito nell'ambito della sicurezza stradale.

Dati alla mano, mentre nell’anno precedente (da giugno 2014 a giugno 2015) si erano verificati nei due centri abitati ben sette incidenti, tre a Cambiano (due con feriti e uno mortale) e quattro a Petrazzi (due con feriti e altri due con danni ai veicoli), negli ultimi dodici mesi non si è verificato nemmeno un incidente lungo l’asse viario che attraversa le due frazioni.

Queste ultime, storicamente individuate come “sensibili” per la sicurezza stradale, erano finite subito nell’agenda della Giunta Falorni, che lo scorso anno aveva provveduto all’installazione di 8 postazioni “Speed Check” ”(4 a Cambiano e 4 a Petrazzi), ottenendo su questo intervento anche un finanziamento della Regione Toscana (che aveva coperto l’80% dei costi).

«Le postazioni “Speed Check” – sottolinea il Sindaco, Alessio Falorni – sono risultate una buona scelta: non avevamo in mente l'obiettivo di fare “cassa”, ma quello di far rispettare i limiti di velocità e quindi prevenire gli incidenti, che mettono a repentaglio sia l’incolumità degli automobilisti che quella dei pedoni, compresi coloro che abitano nelle frazioni interessate. Grazie ad una luce lampeggiante le postazioni sono infatti ben visibili anche nelle ore notturne, e questo ha contribuito sicuramente ad aumentare la loro funzione dissuasiva, determinando così, nell’ultimo anno, l’azzeramento dei sinistri stradali. Un ottimo risultato».

«Naturalmente – prosegue il Sindaco – questo non basta. Occorre infatti proseguire con i controlli e i posti di blocco della Polizia Municipale, utili anche per accertare altre violazioni, nonché continuare a investire per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, così come stiamo facendo in modo costante da due anni destinando risorse considerevoli proprio al rifacimento e alla riqualificazione della viabilità comunale, sia nel capoluogo che nelle frazioni. Questo è il mandato che ci hanno assegnato i cittadini di Castelfiorentino, e che cerchiamo di perseguire nonostante le minori risorse disponibili. Sono anche contento del fatto che la Citta Metropolitana abbia fatto un intervento importante sul vecchio tracciato della 429: spero che si seguiti in questa direzione, perché quella strada ne avrà bisogno almeno finché non riusciremo ad aprire quella nuova. A questo punto, inoltre, dobbiamo anche assolutamente occuparci di alcune zone che continuano ad avere problematiche di alta velocità, e che sono rimaste fuori dal precedente bando, che riguardava le strade regionali: penso a Dogana, ad esempio, e a qualche punto specifico della viabilità cittadina. Lavoreremo per trovare soluzioni adeguate anche in questi casi».

Pubblicato il 22 giugno 2016

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su