Catelfiorentino, hashish nascosto tra i cespugli. E una denuncia per violazioni obblighi inerenti al soggiorno

I controlli finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in materia di droga hanno permesso di rinvenire, tra i cespugli che costeggiano la recinzione della stazione ferroviaria, un involucro contenente sostanza stupefacente di tipo hashish del peso complessivo di gr. 20,9. Determinante è stato il fiuto del cane appartenente al Nucleo Cinofili di Firenze che ha dimostrato la sua efficienza anche durante il successivo controllo effettuato presso il parco urbano di viale Roosvelt, dove, nascosto dietro un albero, vi era un altro involucro contenente sostanza stupefacente di tipo hashish del peso complessivo di gr. 19,4. Il tutto è stato sequestrato

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

«Continuano le attività di controllo dell’Arma dei Carabinieri nelle “aree sensibili” del territorio di Castelfiorentino, ottenendo ancora risultati significativi in termini di prevenzione e sicurezza», recita una nota stampa dei Carabinieri.

«L’intensificazione dei controlli nei luoghi maggiormente frequentati da spacciatori e trasgressori degli obblighi inerenti al soggiorno - aggiungono le autorità -, già avviati nel fine settimana scorso, ha consentito, nella serata di ieri, di denunciare in stato di libertà il nigeriano ventiquattrenne R.K.K., controllato presso la stazione ferroviaria, poiché, su richiesta dei militari operanti in servizio alla Compagnia Carabinieri di Empoli, non ha ottemperato, senza giustificato motivo, all’ordine di esibizione di un documento valido per l’identificazione e del permesso di soggiorno o di altro documento attestante la regolare presenza nel territorio dello Stato».

I controlli finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati in materia di droga hanno permesso di rinvenire, tra i cespugli che costeggiano la recinzione della stazione ferroviaria, un involucro contenente sostanza stupefacente di tipo hashish del peso complessivo di gr. 20,9. Determinante è stato il fiuto del cane appartenente al Nucleo Cinofili di Firenze che ha dimostrato la sua efficienza anche durante il successivo controllo effettuato presso il parco urbano di viale Roosvelt, dove, nascosto dietro un albero, vi era un altro involucro contenente sostanza stupefacente di tipo hashish del peso complessivo di gr. 19,4. Il tutto è stato sequestrato.

Pubblicato il 8 luglio 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su