Certaldo al terzo posto in Toscana per indotto generato dai matrimoni

«Siamo felici di apprendere questi dati che - dice l'Assessore al turismo e alla cultura, Francesca Pinochi - che confermano la bontà di un investimento in termini di risorse, soprattutto organizzative ed umane. Certaldo è diventata negli anni una meta ambita per matrimoni e unioni civili. 'Certaldo Wedding' ha saputo mettere tutto questo a sistema e dare ancora più consapevolezza, al nostro territorio, delle potenzialità di questo settore turistico»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

La BIT di Milano consacra Certaldo come terra di matrimoni, con il paese di Boccaccio che sale dal quarto al terzo posto nella top five delle Destination Weddings in Tuscany. Nell'omonimo studio di settore del Centro Studi Turistici di Firenze, presentato ieri alla BIT di Milano nell’ambito del progetto Tuscany for Weddings, viene fuori che la Toscana vale il 30,9% del mercato nazionale di matrimoni, unioni civili e riti simbolici di persone straniere, per un fatturato stimato in 160 milioni di euro annui. Un mercato che Certaldo si prende nella misura del 5,6% regionale, piazzandosi al terzo posto dopo Firenze e Fiesole.

E’ la conferma di un trend in crescita, visto che nel precedente rilevamento Certaldo era al quarto posto, una crescita che arriva sulla scia del progetto di marketing turistico “Certaldo Wedding”. Questo progetto, ideato e coordinato dall’Assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Certaldo, ha visto protagonisti decine di operatori commerciali del settore wedding con sede a Certaldo. Dal loro lavoro è nato un prodotto di promozione turistica articolato in video, foto e catalogo fotografico - quest'ultimo sarà presentato a breve – per promuovere presso il pubblico ed i wedding planner italiani e stranieri tutta la bellezza e le potenzialità di Certaldo in questo settore. “Certaldo Wedding”, realizzato in collaborazione con Toscana Promozione Turistica, Tuscany for Weddings, Centro Studi Turistici di Firenze, è considerato una “best practices” regionale in questo settore ed i risultati dell’indagine lo confermano.

«Siamo felici di apprendere questi dati che - dice l’Assessore al turismo e alla cultura, Francesca Pinochi - che confermano la bontà di un investimento in termini di risorse, soprattutto organizzative ed umane. Certaldo è diventata negli anni una meta ambita per matrimoni e unioni civili. “Certaldo Wedding” ha saputo mettere tutto questo a sistema e dare ancora più consapevolezza, al nostro territorio, delle potenzialità di questo settore turistico. Ringrazio tutti gli operatori locali per averci creduto e per il loro impegno ed i nostri partner istituzionali per averci supportati. Ora il lavoro prosegue con la promozione dei nostri prodotti turistici in fiere ed eventi del settore, certi che la qualità degli eventi “made in Certaldo” saprà confermarsi e conquistare altri pubblici».

Pubblicato il 12 febbraio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su