Certaldo, sold out al palazzetto di Canonica per 'Un ballo per l'autismo'

La serata ha visto i saluti iniziali del sindaco, Giacomo Cucini, e quelli finali dell'ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia, Stela Stingaci. Protagoniste della kermesse sono state soprattutto le arti come musica e danza. Quattro le scuole di ballo presenti: l'Accademia della Danza, la scuola di danza 'Crescendo', il centro di studi danza e movimento 'Kineses' e la danza teatro di 'L'Art De La Danse'

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Palazzetto dello Sport di Canonica gremito domenica scorsa, 20 gennaio, per l'evento “Un ballo per l'autismo” promosso dal Consolato Onorario della Repubblica di Moldova in Toscana e dal Comune di Certaldo. Si trattava in un'iniziativa benefica a sostegno del progetto Pro.Mo.V.A., nato per aiutare le attività del centro riabilitativo “SOS Autism” di Chisinau, capitale moldava.

Nel corso della serata è stata raggiunta quota 464 biglietti staccati, per una somma di 2.320 euro, a cui sono da aggiungere le numerose donazioni supplementari. La Fondazione Banca Mediolanum ha inoltre promesso di contribuire al progetto di sostegno ai bambini affetti da autismo raddoppiando la cifra totale raccolta nel corso della serata stessa.

La serata ha visto i saluti iniziali del sindaco, Giacomo Cucini, e quelli finali dell'ambasciatore della Repubblica di Moldova in Italia, Stela Stingaci. Protagoniste della kermesse sono state soprattutto le arti come musica e danza. Quattro le scuole di ballo presenti: l’Accademia della Danza, la scuola di danza “Crescendo”, il centro di studi danza e movimento “Kineses” e la danza teatro di “L’Art De La Danse”.

Oltre a varie performance, dal balletto classico all'hip hop, a impreziosire la serata sono stati altri artisti come Sgroi al Sax e Irina al piano, Enza Gelli, Donata Dei e il cantante moldavo, ma bolognese di adozione, Ion Dodon, finalista nel 2017 del talent tv “Tu si que vales”, bravissimo nel corso della serata nell'interpretazione di grandi pezzi della musica italiana e non solo. A fine febbraio il team di professionisti del progetto Pro.Mo.V.A. tornerà di nuovo a Chisinau per proseguire la propria opera di formazione del personale moldavo e di sostegno nella quotidiana attività.

Pubblicato il 22 gennaio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su