Cimitero di Uopini, la segnalazione di un cittadino: ''Completo abbandono''

In risposta le dichiarazioni del vicesindaco Paola Buti: "Il cimitero di Uopini non è in una situazione di degrado"

 MONTERIGGIONI
  • Condividi questo articolo:
  • j

"E’ da ormai più di anno che viviamo una situazione spiacevole del tutto demoralizzante per noi parenti che andiamo a piangere il nostro caro defunto al cimitero di Uopini", inizia così la segnalazione ricevuta da un cittadino in merito allo stato di degrado del cimitero di Uopini, a Monteriggioni.

"Nel corso degli anni dal 2019 ad oggi, abbiamo segnalato il nostro disagio personalmente e con molteplici mail inviate all’amministrazione comunale e al primo cittadino del Comune di Monteriggioni, ma a tutt’oggi la situazione cimiteriale è ridotta ad uno stato di completo abbandono, sporcizia, resti di ossa umane e aree pericolose con fili e forassiti delle lampade votive lasciate fuori terra rendendo la zona pericolosa per una persona anziana che si reca al cimitero per poter portare un fiore al proprio caro. L’unica cosa che è variata dopo le ripetute segnalazioni è stata la rimozione delle ossa che si vedevano nel terreno e la copertura delle bare che erano parzialmente coperte - prosegue - la situazione si aggrava nel periodo invernale, con le piogge si creano aree completamente allagate e inaccessibili se non attrezzati con stivali facendo particolare attenzione a non scivolare, anche questo problema è stato rappresentato al sindaco e al vice sindaco, i quali non hanno fatto altro che mettere delle tavole da cantiere".

La risposta del vicesindaco Paola Buti

Dopo l'arrivo della segnalazione abbiamo chiesto una risposta all'amministrazione comunale che c ha rilasciato una dichiarazione, rispondendo con il vicesindaco del Comune di Monteriggioni Paola Buti

"Ho letto con attenzione la segnalazione di un cittadino in merito al cimitero di Uopini e voglio prima di tutto rassicurare sul fatto che la terrò presente, come ho fatto sempre. La mia delega mi porta ad occuparmi anche della funzione dei cimiteri e voglio fermamente sottolineare che quello di Uopini non è assolutamente in una situazione di degrado. Nello specifico vorrei fare alcune precisazioni: l'ultima sepoltura, effettuata nel quadro oggetto della segnalazione, è stata eseguita nel mese di gennaio 2021 e pertanto è naturale che i lavori sul terreno siano ancora in corso. Per quanto riguarda il passaggio sulle aree che il cittadino nella sua segnalazione definisce impropriamente "pericolose con fili e forassiti delle lampade votive lasciate fuori terra”, evidenzio che sono presenti cavi esposti ma messi in sicurezza, con funzione di utilizzo per gli allacciamenti provvisori dei richiedenti, in modo da non dover riscavare ad ogni singola richiesta. Tengo a precisare che tutti i lavori vengono eseguiti da personale specializzato nel rispetto della normativa inerente agli impianti/componenti elettrici.

"Per quanto riguarda invece il manto erboso, è necessario aspettare il periodo di assestamento delle tombe; infatti, queste vengono coperte periodicamente con nuova terra per consentire l'assestamento definitivo, che dipende anche da fattori ambientali. Solo successivamente si procede all'interramento di tutte le componenti impiantistiche, al posizionamento delle lapidi e infine alla cura del verde".

"Inoltre, ribadisco che tutte le segnalazioni che arrivano vengono prese in carico dall'ufficio LL.PP. e risolte in tempi ragionevolmente brevi in base alle priorità. Concludo, dicendo che a fine anno 2021 affideremo il servizio cimiteriale nella totalità ad un soggetto terzo, in modo da gestire sia le sepolture che la parte di manutenzione in modo unitario. L’Amministrazione è consapevole del fatto che il cimitero di Uopini non solo è d’interesse dei cittadini di Monteriggioni, ma anche per gli abitanti di territori limitrofi, che avanzano domande per seppellire all’interno del cimitero i loro cari".

Stefano Calvani

Potrebbe interessarti anche: Covid-19: la Toscana rischia la zona rossa fino al 20 aprile

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 1 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su