Codice giallo per pericolo ghiaccio nella notte tra 5 e 6 gennaio: allerta anche in provincia di Siena e Firenze

La Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un bollettino di criticità gialla per la notte tra il 5 e il 6 gennaio, con durata fino alle 9 di domani, lunedì. Interessato al fenomeno quasi tutto l’arco orientale, dalla Garfagnana al bacino interno del Fiora e dell'Albegna, passando per Mugello, Romagna toscana e bacino del Reno, Casentino e Valdarno superiore, Valtiberina e Valdichiana. Le province interessate sono Arezzo, Firenze, Grosseto, Lucca, Pistoia, Prato e Siena. Saranno possibili fenomeni occasionalmente pericolosi per l'incolumità delle persone, in grado di causare disagi e danni a carattere locale. Possibili anche localizzati problemi negli spostamenti e temporanei problemi alle reti di distribuzione di servizi

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il tempo stabile, con l’alta pressione e il permanere di temperature rigide, renderanno possibili gelate notturne nei fondovalle più interni della Toscana. Per questo, la Sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un bollettino di criticità gialla per la notte tra il 5 e il 6 gennaio, con durata fino alle 9 di domani, lunedì.

Interessato al fenomeno quasi tutto l’arco orientale, dalla Garfagnana al bacino interno del Fiora e dell’Albegna, passando per Mugello, Romagna toscana e bacino del Reno, Casentino e Valdarno superiore, Valtiberina e Valdichiana. Le province interessate sono Arezzo, Firenze, Grosseto, Lucca, Pistoia, Prato e Siena.

Saranno possibili fenomeni occasionalmente pericolosi per l'incolumità delle persone, in grado di causare disagi e danni a carattere locale. Possibili anche localizzati problemi negli spostamenti e temporanei problemi alle reti di distribuzione di servizi.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all'interno della sezione "Allerta meteo" del sito della Regione Toscana, all'indirizzo www.regione.toscana.it/allertameteo.

Pubblicato il 5 gennaio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su