Colle di Val d'Elsa, email false a nome dei candidati a sindaco

Un gesto, forse, mosso dall'intenzione di non far sapere di aver attaccato i volantini (ammesso che ci fossero), o semplicemente un modo per far sapere che secondo l'autore 'è sempre la stessa zuppa'. Resta il fatto che chi crea un account di posta elettronica apparentemente intestato ad altri commette un reato. Si chiama 'sostituzione di persona' e può indurre chi legge in errore al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o provocare un danno (Cass. sent. n. 46674 del 8.11.2007)

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Ieri, a metà mattinata, sono arrivate alla nostra redazione due email con oggetto "Affissioni Colle Val d'Elsa" con lo stesso identico contenuto, che riportiamo di seguito:

Buongiorno,
Volevo comunicarvi che negli spazi adibiti ai manifesti elettorali di Colle Val d'Elsa sono stati attaccati, presumibilmente questa notte, dei piccoli manifesti riportanti la scritta "#èsemprelastessazuppa".
Cordiali saluti

Dei piccoli manifesti menzionati non abbiamo riscontrato traccia. Tuttavia, la cosa che ci interessa evidenziare sono i mittenti. Entrambi i messaggi di posta elettronica sono stati inviati infatti dallo stesso indirizzo IP, ma da due account falsi a nome dei candidati a sindaco Angela Bargi e Alessandro Donati. Li abbiamo contattati entrambi ed entrambi si sono detti completamente estranei al fatto.

Un gesto, forse, mosso dall'intenzione di non far sapere di aver attaccato i volantini (ammesso che ci fossero), o semplicemente un modo per far sapere che secondo l'autore "è sempre la stessa zuppa". Resta il fatto che chi crea un account di posta elettronica apparentemente intestato ad altri commette un reato. Si chiama "sostituzione di persona" e può indurre chi legge in errore al fine di procurare a sé o ad altri un vantaggio o provocare un danno (Cass. sent. n. 46674 del 8.11.2007).

Invitiamo chiunque riceva messaggi di posta elettronica dagli indirizzi a.bargi.colle@gmail.com e a.donati.colle@gmail.com a segnalarlo.

Pubblicato il 23 maggio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su