Colle di Val d'Elsa, il riassunto del consiglio comunale del 30 luglio

Martedì 30 luglio si è tenuta una nuova seduta del Consiglio Comunale di Colle di Val d'Elsa. Il Presidente Enrico Galardi ha cominciato esprimendo parole di vicinanza alla famiglia e agli amici del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma mentre faceva il suo lavoro, e a tutta l'Arma dei Carabinieri, chiedendo a tutto il Consiglio di osservare un minuto di silenzio

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Tanti i punti all'ordine del giorno: la sicurezza stradale, l'illuminazione pubblica, i tigli di Piazza Bartolomeo Scala, il CREA, l'Azienda Special Multiservizi, l'ambiente, il bilancio.

Qui sotto il video completo della seduta consiliare: 

Le comunicazioni del sindaco

Il Sindaco Alessandro Donati ha preso la parola per alcune comunicazioni. La prima per relazionare sull'incontro avvenuto tra ANAS e i dieci sindaci dei comuni di Siena, Poggibonsi, Colle di Val d’Elsa, Monteriggioni, Castellina in Chianti, San Gimignano, Barberino-Tavarnelle, Radda in Chianti, Impruneta, San Casciano V.P per discutere dell'adeguamento e messa in sicurezza dell'Autopalio. «Abbiamo ricevuto risposte non chiare che ci hanno soddisatto solo in parte - ha detto il primo cittadino Alessandro Donati -, in ragione dell’importanza strategica di questa arteria soprattutto per quei comuni che non hanno vie alternative al trasporto di merci, passeggeri, turisti e pendolari. Una situazione di criticità che va ad incidere in un’area dove il turismo e la produzione di qualità necessitano di un’infrastruttura funzionale e soprattutto sicura, non costellata da lavori infiniti. Per Colle in particolare poi, il sindaco ha sottolineato la problematica presente  all’uscita di Colle Sud (direzione Colle) che, non consentendo e sostenendo il deflusso del traffico nelle ore di punta, da’ luogo alla formazione di code generando pericolosità sull’autostrada stessa. È stato richiesto quindi un necessario intervento specifico che razionalizzi il traffico dello svincolo».

Il Sindaco Alessandro Donati ha poi comunicato che il Comune di Colle di Val d’Elsa assieme a Poggibonsi, San Gimignano, Barberino-Tavarnelle, Certaldo e Castelfiorentino si è costituito come partner per presentare un progetto finalizzato alla realizzazione di un Contratto di Fiume (di cui al DGRT 535/2019) relativo all’Elsa, con Comune Capofila San Gimignano, che per prima aveva lanciato l'idea mesi fa. Attraverso un bando che servirà per finanziare la progettazione di tutte quelle azioni che potranno portare alla gestione condivisa della qualità delle acque e alla valorizzazione del Fiume Elsa, si punterà alla realizzazione di costituire un unico percorso fluviale con via ciclabile e pedonabile, con “Porte del Parco” in ogni Comune. La Giunta Regionale con questo decreto intende confermare l’importanza che è stata riconosciuta dalle direttive europee e nazionali ai Contratti di Fiume, in quanto strumenti che promuovono iniziative e progettualità locali, orientate sia alla valorizzazione ecologica del sistema fluviale, che alla mitigazione del rischio idraulico ed alla corretta gestione delle risorse idriche.

Tra le comunicazioni del sindaco, anche, chiamiamolo così, l'Accordo di Santa Caterina. L'amministrazione si è fatta promotrice di un accordo con gli esercenti e gli albergatori che si affacciano sulla piazza per la sospensione sperimentale dell'ordinanza 130 del 22 settembre 2017 recanti misure per la tutela della tranquillità urbana nell'area del centro storico. L'accordo è basato sul prolungamento dell'orario di somministrazione a basato sul rispetto della rumorosità e sulla chiamata alla responsabilità di tutte le realtà coinvolte. E' già attivo da circa una settimana e lo sarà per altrettanto. «Sarà mantenuto stabile se le condizioni rimarranno entro i limiti di una buona convivenza per il rumore e il decoro. Questo perché siamo convinti - dice Donati - che Santa Caterina sia una risorsa per tutte le attività che vi si affacciano e per la città. Noi confidiamo nel buonsenso di tutti.

Infine, il primo cittadino annuncia per il prossimo 8 agosto la visita del Preside della Facoltà di Ingegneria dell’Università Cilena di San Sebastián Prof. Federico Casanello, che fa seguito all'incontro avvenuto con l'ambasciatore cileno lo scorso luglio. La visita ufficiale rientra nell’ambito di un progetto di collaborazione già avviato tra l’Università di Siena, il CREA e una rete di università cilene. La prospettiva è quella di rafforzare e rendere stabile lo scambio scientifico, culturale e la mobilità, con un primo obiettivo: portare a Siena il “Forum Accademico Italia Cile 2020”. Il 17 settembre inoltre, il CREA e l’Istituto Tecnico Superiore cittadino (ITS-Energia e Ambiente) riceveranno i rappresentanti di Enti Regionali internazionali partecipanti al Progetto Interreg Europe – 4.0 READY, finalizzato all’adozione di buone pratiche amministrative svolte in un’ottica di investimento, crescita e lavoro per le PMI. Al progetto partecipano enti territoriali di sette Paesi UE (Belgio, Finlandia, Polonia, Romania, Spagna e Lituania), con la presenza di Regione Toscana e l’ASEV - Agenzia di Sviluppo Empolese Valdelsa. Le due realtà colligiane, CREA e ITS, sono state scelte infatti come modello per questo tipo di attività dal gruppo che aderisce al progetto. In quella giornata saranno visitati e mostrati all’intera delegazione il centro storico di Colle ed il Museo San Pietro. 

Variazioni apportate alla spesa di bilancio

Il vice sindaco ed assessore competente, Stefano Nardi, ha illustrato successivamente la volontà dell’amministrazione comunale di recuperare una capacità di programmazione della spesa che consenta di raggiungere risultati concreti e dia agli uffici la possibilità di lavorare al meglio sugli obiettivi da raggiungere. Il segnale più importante sarà  assunto dalle variazioni apportate alla parte della spesa in investimenti. In questo senso nei prossimi 5 anni aumenteranno il numero dei fontanelli sul territorio comunale, avverrà il potenziamento del parco mezzi del cantiere comunale e l'acquisto di nuovi software per gli uffici. Sono state quindi inserite le risorse necessarie per la progettazione di due opere pubbliche fondamentali per la nostra comunità: la nuova cucina centralizzata e la sistemazione dell'area Bilenchi, che consentirà l'apertura di tutto il parcheggio Multipiano; gli interventi per arredi a parchi e giardini e le ulteriori risorse per il completamento della scuola materna di via Volterrana. Inseriti infine la manutenzione, da tempo rimandata, per il tetto del museo San Pietro e previste a bilancio le necessarie coperture per alcuni interventi di sicurezza stradale. Sarà altresì intenzione della nuova amministrazione riprendere un percorso di bilancio partecipato a partire dal prossimo bilancio di previsione 2020-2022. L’intervento del Vice Sindaco si è concluso con un ringraziamento agli uffici per il supporto ricevuto in queste prime settimane al fine d’individuare fin da subito le migliori soluzioni tecniche alle volontà della giunta.

 

Sicurezza stradale

Il consigliere della lista "civile" Io Cambio - Insieme si può Francesco Di Gennaro ha presentato due interrogazioni con la proposta di realizzare una rotatoria in località Le Grazie (i residenti si stanno già attivando per una raccolta firme), dove confluiscono tre strade di accesso alla città, molto trafficate soprattutto nella stagione turistica; un attraversamento pedonale in località Borgatello, all'intersezione della strada con Montecchio. Il vice sindaco Stefano Nardi ha riportato i dati che gli sono stati forniti dalla Polizia Municipale: negli ultimi dieci anni si sono verificati al suddetto incrocio 31 sinistri su un totale di 1.164. Ha poi risposto che stanno valutando entrambe le cose, riprendendo in mano anche vecchi progetti. In particolare, sono stati stanziati 20mila euro per la realizzazione di due interventi: l'attraversamento pedonale a Borgatello, che dovrebbe essere terminato entro l'anno, e uno a Quartaia.

Sulla sicurezza stradale anche l'interrogazione presentata da Josè Eduardo Calò per il gruppo Lega - Salvini Premier sull'illuminazione pubblica sul territorio comunale, con riferimento particolare alla zona dell'Agrestone. Il vice sindaco ha fatto presente che l'amministrazione nel 2013 ha effettuato il censimento di tutti i lampioni, che risultano essere poco superiori ai 4mila. «Da allora non ci sono state evoluzioni quindi non siamo in grado di dare un risposta esatta», ha spiegato.

La disinfestazione avvenuta a Gracciano senza comunicazione

Il giorno 18 luglio scorso, intorno alle 23.00, i partecipanti alla festa della vittoria del rione dei Sodi, a Gracciano, si sono visti investire da una nuvola di disinfestazione, quando non c'era stata alcuna comunicazione. I gruppi consiliari SìAmo Colle e Movimento 5 Stelle chiedono chiarimenti in merito. L'assessore Grazia Pingaro ha risposto scusandosi per l'accaduto: «C'è stato un errore da parte della ditta che ha inviato un calendario con la data sbagliata. Nel calendario in questione le date riportate erano dal 23 al 26 luglio, mentre la ditta in questione ne aveva uno che riportava le date dal 16 luglio al 20 luglio. Normalmente gli uffici comunali contattano l'impresa per dare il via alla relativa comunicazione sul sito, sui volantini e sui canali social. Questa telefonata non c'è stata, la ditta ha proseguito senza rendersi conto di non aver ricevuto nemmeno la nostra telefonata. Abbiamo saputo dell'accaduto dal giornale il sabato mattina. Lunedì abbiamo subito chiesto chiarimenti urgenti. Il conducente del mezzo, appena si è accorto della cena, ha abbassato il getto. Purtroppo però il fatto è accaduto. Sarà nostra cura vegliare sulle prossime disinfestazioni adulticida. L'ufficio ha già avviato una procedura per l'applicazione della penale, così come previsto dal capitolato. Questo ci ha dato modo di rivedere il servizio con l'inserimento degli orari di intervento nel capitolato, tassativamente dopo mezzanotte».

CREA - Centro di Ricerca Energia e Ambiente

Monica Sottili, capogruppo del Movimento 5 Stelle ha presentato un'interrogazione con oggetto la "Revisione ordinaria delle partecipazioni societarie possedute in ottemperanza all'art. 20 del D. Lgs. N. 175/2016 - CREA Centro di Ricerca Energia e Ambiente". Il sindaco Donati ha ricordato gli obiettivi e le finalità del CREA, che è una una società consortile senza scopo di lucro che ha come scopo promuovere lo sviluppo scientifico e tecnologico del tessuto sociale e produttivo attraverso attività di ricerca e attraverso l'applicazione di prodotti e servizi, attraverso la formazione scientifica e tecnica di alto livello. Donati ha parlato di difficoltà dovute a più fattori e in particolare alle scarse risorse che non hanno permesso investimenti e al ribaltamento sul CREA del co-finanziamento delle attrezzature scientifiche acquistate con i fondi della Regione Toscana nel 2012. Ha ricordato che il debito si è ridotto molto negli ultimi cinque anni, passando da 305mila euro a 174 mila.

«Procederemo nei termini previsti alla dismissione della partecipazione comunale in CREA secondo quanto dettato dallo statuto - ha detto il primo cittadino -. Ci riserviamo di acquisire quote societarie nel caso in cui i parametri dovessero mostrarsi nuovamente positivi. Auspico che si possa mettere in atto un piano di rientro concordato tra Comune e CREA per cui è necessaria la garanzia di una continuità aziendale, in cui confido. Stiamo inoltre lavorando per le linee d'indirizzo della gestione del Palazzone che tengano conto della particolarità degli spazi e del loro uso».

La consigliera Sottili ha replicato chiedendo di precisare in che modo si pensa di saldare il debito e chiedendo di vedere il piano industriale e le commesse e di valutare le potenzialità di cui ha parlato il sindaco. «Entro l'anno il Comune è obbligato ad uscire dalle partecipazioni. Per quanto riguarda il recupero auspico il piano di rientro concordato, che sarà sottoposto ovviamente alle verifiche», ha chiarito Donati.

Azienda Multiservizi

La consigliera di SìAmo Colle Angela Bargi ha presentato un'interrogazione in merito all'andamento della società Multiservizi, considerato lo stato di complessiva difficoltà dell'azienda e chiedendo di fare chiarezza per capire se è ancora il ragioniere Bartalucci il Direttore Speciale. Il vice sindaco ha chiarito che è ancora Bartalucci, che agisce in prorogatio ma che per attivarsi concretamente è necessaria una mozione.

Le mozioni

Sono state bocciate tutte e tre le mozioni presentate dall'opposizione: quella presentata dalla Lega sull'impianto di videosorveglianza; quella presentata dal Movimento 5 Stelle per chiedere di conservare tutti i tigli di Piazza Bartolomeo Scala; quella proposta dalla coalizione Su per Colle - Colle Civica per rendere il Comune plastic free. La maggioranza ha sottolineato che sono istanze sulle quali l'Amministrazione stessa è già attivamente impegnata, in attuazione del programma di governo presentato in campagna elettorale. 

Rinviata invece al prossimo consiglio la mozione presentata da La Sinistra per Colle, Pd e Colle in Comune sulla possibilità da parte del Comune di costituirsi parte civile nei processi relativi a violenze o abusi su donne residenti o domiciliate a Colle.

 

Pubblicato il 1 agosto 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su