Colle di Val d'Elsa vista dai bambini, terza parte. Il posto più bello della città è... dove si può fare il bagno!

Continua il viaggio intrapreso alla scoperta di Colle di Val d'Elsa, vista con gli occhi dei bambini che la abitano. Sono stati gli alunni della 4^ B della Scuola elementare di Gracciano a rispondere alla domanda ''Cosa vi piace della vostra città?''. Oggi è il momento di una nuova ''tappa'': il posto in cui è possibile fare il bagno

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

Continua il viaggio intrapreso alla scoperta di Colle di Val d'Elsa, vista con gli occhi dei bambini che la abitano. In particolare, sono stati gli alunni della 4^ B della Scuola elementare di Gracciano a rispondere alla domanda "Cosa vi piace della vostra città?". Nella prima parte di questo percorso ci hanno parlato di Piazza Arnolfo e della fontana, parlando male solo di «quelli che buttano i rifiuti», come ha detto uno di loro. Nella seconda parte ci hanno raccontato invece del centro storico di Colle di Val d'Elsa, Colle Alta, della quale hanno apprezzato il campanile, le vie, il panorama.

Oggi è il momento di una nuova "tappa": il posto, artificiale o naturale, in cui è possibile fare il bagno. Lo avevamo già visto parlando della fontana, i bambini si divertono a giocare con l'acqua. Meglio ancora se possono entrarci dentro. E infatti molti di loro hanno risposto che il posto più bello di Colle è Le Caldane:


«Io abito in via Fratelli Bandiera n°78 a Gracciano. Non lontano da casa mia si trova la fonte naturale delle Caldane. Soprattutto nel periodo estivo è l'attrazione di molte persone che scelgono questo posto per rilassarsi, prendere il sole e fare il bagno.
E' come una grande vasca in pietra e ci sono anche due scalette una un po' più pericolosa, l'altra meno pericolosa; c'è un muretto per tuffarsi con una fessura scavata dalle tartarughe carnivore.
La temperatura dell'acqua per tutto l'anno rimane di 16 gradi. Ci vivono i pesci colorati, le lontre, le anatre e a volte ci sono pure dei pesci più grossi tipo carpe. Il fondale è tutto fatto con sassolini che con i raggi del sole brillano come fossero pietre preziose.
I pesci si nutrono di melma, mentre le tartarughe, essendo diventate grandi, si nutrono di carne e uova di uccelli e anatre. Vicino alla vasca c'è un piazzale con dei grossi sassi che servono per sedersi, un pratino per fare i pic-nic e un fiumiciattolo dove portano i cani a fare il bagno e giocare. A pochi passi c'è un bosco dove molte persone vanno a fare una passeggiata. Anche io quando vado a passare qualche ora divertendomi».


«Io abito a Colle Val d'Elsa. Il mio posto più bello sono le Caldane. Le Caldane sono una sorgente di acqua minerale e rigenerante. Le Caldane mi piacciono perché pesco i pesci, mi tuffo, vedo le nutrie e anche le rane. Vorrei andarci anche di inverno perché d'inverno l'acqua è calda. Non vedo l'ora che sia primavera, perché la domenica ci andrò alcune volte».

L'altro posto per eccellenza in cui fare il bagno è la Piscina Olimpia, meta di divertimento e luogo di aggregazione, per grandi e piccini:


«Il posto più bello è la piscina. Un giorno sono andato in piscina con mio fratello, c'erano anche dei miei amici e ci si era buttati dal trampolino. Mio fratello si è buttato da dieci metri e io mi sono buttato dai tre. Dopo aver fatto i tuffi sono andato a mangiare una buonissima pizza e un buonissimo panino. Poi ci siamo riposati un pochino. Nel pomeriggio siamo andati in piscina per tuffarci, poi siamo andati al bar a prendere le patatine e ci siamo fatti una doccia, ci siamo asciugati per andare a casa e quella giornata mi sono divertito molto».


«Il posto più bello di Colle Val d'Elsa è la piscina. Ci sono due piscine interne; una è grandissima, usata dai grandi per fare le gare di nuoto, e l'altra è più piccola usata per fare i corsi. C'è una parte che è per bambini piccoli con l'acqua bassa. Quando arriva l'estate viene aperta la piscina esterna, è molto grande, con trampolini.
C'è anche una piscina per bambini. C'è un parco verde molto grande con gonfiabili, tappeto elastico e un piccolo bar con ombrelloni».

Pubblicato il 18 novembre 2014

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su