Compiono 60 anni le splendide Frecce che colorano i nostri cieli

Dipingono i nostri cieli di verde, bianco e rosso, in un rocambolesco spettacolo che lascia tutti a bocca aperta

 FRECCE TRICOLORI
  • Condividi questo articolo:
  • j

La pattuglia acrobatica nazionale è nata il 1° marzo 1961: quando l’Aeronautica militare italiana decise di creare un gruppo permanente per l’addestramento all’acrobazia dei suoi piloti; valori, tecnologia, competenze, capacità di fare squadra sono i capisaldi delle Frecce Tricolori.

Veniva costituito ufficialmente il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico. Una denominazione ufficiale che quasi nessuno conosce, perchè nel mondo si tratta, per tutti, soltanto delle "Frecce Tricolori" dell'Aeronautica Militare ospitate, sin da allora, nella base aerea di Rivolto.

Il Gruppo è composto da circa 100 militari e la formazione è di 10 velivoli (9 + 1 solista), pilotati da ufficiali della Forza Armata che provengono dai reparti operativi di volo dell'Aeronautica Militare che, a seguito di una rigidissima selezione, entrano a far parte della Pattuglia Acrobatica Nazionale sui loro Aermacchi MB339A-PAN.

Le Frecce Tricolori hanno il compito di rappresentare i valori, la tecnologia, la professionalità e la capacità di fare squadra dell'intera Aeronautica Militare. Con la propria attività di fatto sono portatori dei valori e delle competenze che sono proprie in generale delle Forze Armate e promuovono con esse anche l'industria nazionale e quindi tutto il "Sistema Paese". L'attività principale e più evidente è l'acrobazia aerea collettiva.

Lunedì si celebrerà l'importante ricorrenza del 60° compleanno: il 1° marzo 1961 giunsero a Rivolto, provenienti dalla 4^ Aerobrigata di Grosseto i primi 6 velivoli F-86E "Sabre" con la livrea della pattuglia del "Cavallino Rampante" che recava l'emblema dell'Asso Francesco Baracca; simbolo ceduto dalla contessa Paolina, madre di Baracca, direttamente a Enzo Ferrari, per la casa automobilistica di Maranello.

La Pan, nel 2020, avrebbe dovuto celebrare la sua 60^ stagione acrobatica con un grande evento internazionale; l'Aeronautica Militare, a causa della pandemia ha però responsabilmente ritenuto di rimandare l'evento a quest'anno, con modalità che dipenderanno strettamente dai limiti imposti dalla situazione emergenziale in atto.

In questo periodo così difficile per tutti, nel solco di questa importante funzione simbolica della Pattuglia Acrobatica Nazionale, lo scorso anno c'è stato, dal 25 al 29 maggio, un storico sorvolo di tutti i capoluoghi di regione italiani e sulla città di Codogno, prima "zona rossa" italiana. L'Abbraccio Tricolore, questo il nome attribuito allo storico sorvolo, è stata un'impresa fortemente voluta dagli stessi cittadini italiani e fatta propria dal vertice del Ministero della Difesa. A questo importante avvenimento si sono aggiunti altri sorvoli in occasione dell'inaugurazione del nuovo Ponte di Genova, della partenza del Gran Premio d'Italia a Monza e della ricorrenza del Santo Patrono d'Italia sulla Basilica Superiore di Assisi, mentre il 2021 è iniziato con il sorvolo ai Mondiali di sci di Cortina.

"Le Frecce Tricolori sono conosciute, apprezzate e portano in tutto il mondo il nostro Tricolore", ha affermato il capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, alla vigilia del compleanno - esse sintetizzano tutto quello che è tecnologia, passione, capacità, competenza e professionalità che l'Italia è in grado di esportare e portare nel mondo".

Foto Tangari - Video da Youtube Azzuro Tricolore: Sorvolo FRECCE TRICOLORI - Cortina D'Ampezzo 14 febbraio 2021

Potrebbe interessarti anche: Poggibonsi e il rogo di eretici

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 1 marzo 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su