Consiglio comunale deserto a Colle, Monica Sottili (M5S) controbatte

«Proprio per l'importanza di certi argomenti da trattare in quel Consiglio, il primo dovere di presenza era per il gruppo politico che li stava proponendo. Invece si sorvola su queste assenze, parlando superficialmente di "motivi personali". Inaccettabile. Su per Colle propone un ordine del giorno e molti dei suoi consiglieri sono assenti. Di quale serietà si sta parlando?»

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Continua il botta e risposta della politica colligiana sulla seduta consiliare deserta dello scorso 10 aprile. Alla replica del vice presidente del Consiglio Comunale Pietro Nencini controbatte la candidata sindaco del Movimento 5 Stelle Monica Sottili, che chiarisce: «Proprio per l'importanza di certi argomenti da trattare in quel Consiglio, il primo dovere di presenza era per il gruppo politico che li stava proponendo. Invece si sorvola su queste assenze, parlando superficialmente di "motivi personali". Inaccettabile. Su per Colle propone un ordine del giorno e molti dei suoi consiglieri sono assenti. Di quale serietà si sta parlando?».

«La polisportiva - aggiunge - da ben 15 mesi gestisce un servizio pubblico in assenza di una proroga dell'affidamento e che lo abbiamo fatto presente a chiare note anche con una interrogazione a risposta scritta da ben 3 mesi. Per anni hanno prorogato la gestione facendo salire il debito della polisportiva a quasi 600mila euro (come aveva fatto anche il Pd peraltro) di fronte ad una totale mancanza di capacità finanziaria ed economica della associazione e gravando, per coprire le spese dell'energia, sulle spalle dei cittadini. Hanno avuto, tra loro e gli altri che li hanno preceduti, ben 8 anni per cercare una soluzione. Ora, all'ultimo minuto, si propone una transazione senza alcun parere tecnico e contabile instaurando un macigno da risolvere che peserà su chiunque andrà ad amministrare con la volontà di risolvere davvero. Incommentabili. Tutti. Una malagestione della cosa pubblica che va avanti dal 2011. Una vera vergogna».

Pubblicato il 15 aprile 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su