Contrasto allo spaccio in Val d'Elsa: nottata impegnativa per i Carabinieri a Poggibonsi

«I risultati emersi - dicono i militari - sono risultati essere superiori al prevedibile. In una sola serata sono state battute tutte le possibili aree di spaccio. I controlli non sono stati casuali ma ben mirati, verranno proseguiti anche nel prossimo futuro, allo scopo di contrastare un fenomeno che, benché blando rispetto ad altre realtà, non è comunque sconosciuto anche nella provincia di Siena»

Poggibonsi
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nottata movimentata per le autorità. I Carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Poggibonsi hanno monitorato per oltre un'ora due diciannovenni del luogo, sospettati di attività di spaccio. Li hanno poi fermati mentre si spartivano 285 euro, senza che questi riuscissero a spiegare da dove provenivano i soldi. Dalla successiva perquisizione domiciliare a casa di uno dei due, i militari hanno trovato 133 grammi di marijuana e l’attrezzatura per la pesatura e il confezionamento in dosi della roba smerciata, bilancino e ritagli di cellophane. Entrambi i giovani sono stati denunciati in concorso per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. 

Ma la serata non è finita qua. I Carabinieri hanno notato tra le persone fermate in una di queste aree un 33enne di Barberino Tavernelle, trovato in possesso di poco più di un grammo di cocaina e dei residui di un’altra sostanza, 3 mezze pastiglie (probabilmente di un’anfetamina), contenute in una scatolina di latta nascosta nell’auto. Il tutto sarà analizzato presso il laboratorio analisi sostanze stupefacenti dei Carabinieri di Grosseto (L.A.S.S.). All’uomo è stata ritirata la patente perché, trovandosi alla guida della propria autovettura, era risultato positivo all’alcoltest (1,1 grammi/litro di alcol). E' stato denunciato per guida in stato di ebbrezza e segnalato alla Prefettura di Siena in quanto consumatore di stupefacenti per tutta una serie di possibili sanzioni amministrative. 

I militari hanno poi ricevuto la notizia che due studenti provenienti dalla Campania, che stanno svolgendo un periodo di stage presso un noto albergo cittadino, avevano una certa predilezione per gli stupefacenti. Nella stanza d’albergo occupata da uno di questi, i militari hanno rinvenuto poco più di 15 grammi di hascish. Lo stage è durato quindi molto poco. 

Un diciottenne, già molto noto alle forze dell’ordine, residente a San Gimignano, è stato segnalato alla Prefettura di Siena in quanto assuntore di stupefacenti, poiché trovato in possesso di una dose di marijuana, il necessario per una canna. In quanto contravventore al foglio di via obbligatorio, non potendosi recare nel capoluogo valdelsano, verrà denunciato per l’inottemperanza a quel provvedimento del Questore. 

Anche un trentenne operaio albanese, residente a Poggibonsi è stato segnalato alla Prefettura in quanto assuntore di cocaina. Fermato dai Carabinieri, ne è stato trovato in possesso di 0,65 grammi. 

«I risultati emersi - dicono i militari - sono risultati essere superiori al prevedibile. In una sola serata sono state battute tutte le possibili aree di spaccio. I controlli non sono stati casuali ma ben mirati, verranno proseguiti anche nel prossimo futuro, allo scopo di contrastare un fenomeno che, benché blando rispetto ad altre realtà, non è comunque sconosciuto anche nella provincia di Siena».

Pubblicato il 23 luglio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su