Controlli della Polizia di Stato ai mezzi pesanti

Un camionista di 53 anni, originario del beneventano, è stato fermato dalla Polizia Stradale di Siena poiché aveva taroccato la scatola nera del mezzo per impedire, così, la registrazione dei suoi tempi di guida e di riposo

 COLLE DI VAL D'ELSA
  • Condividi questo articolo:
  • j

È accaduto ieri mattina a Colle Val d’Elsa (SI), sulla statale 541, nel corso della Operation Truck and Bus, disposta da Tispol, il network europeo delle polizie stradali, volta a intensificare l’attività di prevenzione nei confronti di chi guida i mezzi pesanti. Lui tornava dalla cava di Torniella, nel comune di Roccastrada (GR) e, dopo aver caricato materiale argilloso, aveva piazzato una calamita nella cabina di guida per alterare la scatola nera del mezzo e guidare, così, senza riposare a sufficienza.

Pensava di farla franca e ritornare a Sassuolo (MO) presso la ditta per cui lavora senza incappare nei controlli, ma gli è andata male poiché è stato fermato da due pattuglie che erano lì, alla ricerca dei TIR. I poliziotti gli hanno ritirato la patente, tolto 23 punti e notificato un verbale di circa 4.000 euro, anche perché il mezzo aveva caricato più del consentito.

Stessa sorte è toccata a un altro camionista di 48 anni, originario del siracusano, che  proveniva dalla stessa cava ed era diretto a Sassuolo (MO). L’uomo, che non aveva inserito la scheda che registra i tempi di guida e di riposo, trasportava più materiale del consentito e, per tale motivo, la Stradale gli ha ritirato la patente, tolto 10 punti e contestato una multa di circa 1.000 euro.

Potrebbe interessarti anche: Sequestrata un'ingente quantità di eroina

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 15 febbraio 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su