Controlli della Polstrada sull'Autopalio: camionista costretto a fermarsi per riposare

Continua l’impegno della Polizia Stradale in Toscana, volto al monitoraggio dei veicoli in circolazione sulle principali arterie della regione in questi giorni di esodo. I poliziotti, muniti di specifiche apparecchiature, stanno mettendo nel mirino anche i mezzi pesanti, tra cisterne, TIR e bus, per controllare le merci pericolose trasportate, il rispetto dei limiti di velocità e le condizioni di guida degli autisti che, talvolta, non riposano pur di giungere prima a destinazione

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Sull’Autopalio, ieri mattina 2 pattuglie del Distaccamento di Montepulciano hanno fermato 15 camionisti, beccandone 2 non in regola.

Il primo, un fiorentino di 43 anni, stava trasportando frutta e verdura prelevata ai mercati di Siena per portarla a Firenze. La Polstrada ha scoperto che era alla guida da troppo tempo e, pertanto, lo ha costretto a fermarsi per recuperare energie, sanzionandolo con quasi 400 euro di multa e con 3 punti tolti dalla patente.

Il secondo, un fiorentino di 60 anni, era diretto a Siena con un carico di ricambi meccanici prelevato a Prato. Il camion che guidava aveva delle ammaccature sul telaio che ne compromettevano la stabilità e, perciò, gli agenti hanno disposto una revisione straordinaria del mezzo presso la Motorizzazione Civile.

Dall’inizio dell’anno le pattuglie della Polizia Stradale in Toscana hanno fermato 9.973 tra conducenti di TIR e bus, contestando in tutto 11.977 infrazioni. I trasporti in sovraccarico sono stati 100, quelli senza licenza 27. I poliziotti hanno sorpreso 1.144 camionisti che superavano i limiti di velocità, mentre 1.000 non avevano osservato i tempi di guida e di riposo.

Pubblicato il 10 agosto 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su