Contromano da Rapolano a Siena in stato confusionale: anziano fermato illeso dalla Polizia di Stato

Ha percorso contromano il Raccordo Siena - Bettolle, da Rapolano alla città del palio, in 15 minuti, rimanendo fortunatamente illeso e senza provocare incidenti

 SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Era in stato confusionale l’anziano 83enne, originario della nostra provincia, che è stato fermato ieri pomeriggio dalla Polizia di Stato a Siena, a bordo della sua 500 verde. Da poco erano passate le 16.40, quando alla Sala Operativa della Questura sono giunte numerose segnalazioni da parte di utenti che avevano notato l’auto sul Raccordo in senso contrario alla marcia. I poliziotti delle Volanti si sono precipitati per scongiurare ciò che avrebbe potuto essere fatale, per la sicurezza dell’uomo e degli altri viaggiatori.

Dalle segnalazioni era, peraltro, emerso che l’anziano viaggiava a fari spenti dirigendosi verso Siena Est. Dopo aver percorso diverse volte le zone limitrofe a quelle indicate al 113, gli agenti l’hanno rintracciato in via Girolamo Gigli e hanno cercato di farlo fermare. azionando i lampeggianti e la sirena della Volante. Niente. L’anziano non si fermava e i poliziotti sono stati costretti ad affiancarlo mostrandogli la “paletta” per far sì che arrestasse la marcia.

Dopo alcuni metri l’uomo si è infatti fermato e gli agenti gli hanno chiesto i documenti. In stato confusionale e smarrito non si era reso conto dell’accaduto e del pericolo cui era scampato e che avrebbe potuto cagionare agli altri. Non ricordava neanche che giorno fosse.

A quale punto, gli agenti hanno fatto intervenire i sanitari del 118 e, preoccupati per la sua incolumità, dato che nel frattempo era sceso il buio, hanno rintracciato i familiari. Al figlio, giunto poco dopo sul posto sono state affidate le chiavi dell’auto. Successivamente sono state elevate le sanzioni previste ed avviate le pratiche per proporre la revoca della patente di guida.

Potrebbe interessarti anche: Pensionata investita in via Montegrappa

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 7 dicembre 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su