Diba '70 shop San Gimignano

Cordoglio all'Università di Siena per la scomparsa di Piero Angela, grande giornalista e divulgatore scientifico

Nel 2019 gli era stata conferita la Laurea Honoris Causa in ''Strategie e tecniche della comunicazione''

 SIENA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il Rettore dell’Università di Siena Francesco Frati esprime il cordoglio suo personale e dell’Ateneo per la scomparsa di Piero Angela, giornalista e grande divulgatore scientifico; recentemente insignito della Laurea magistrale Honoris Causa in “Strategie e tecniche della comunicazione” e dell’anello dottorale dell’Ateneo senese.

«Piero Angela ha segnato un’epoca fondamentale nel campo della comunicazione scientifica in Italia - ha detto il Rettore Frati - contribuendo ad avvicinare i cittadini ai temi scientifici anche più complessi e fornendo così un servizio fondamentale, non solo al mondo del giornalismo, ma anche alla diffusione della conoscenza».

Piero Angela aveva lavorato in Rai dagli anni Cinquanta; durante la sua lunga carriera era stato cronista, conduttore e corrispondente, per poi diventare il più noto divulgatore scientifico italiano. Popolare fra il pubblico era divenuta la sua trasmissione “Quark”, poi Superquak”, che in maniera pionieristica aveva reso il sapere scientifico fruibile al grande pubblico della televisione generalista; pubblico che lo aveva ricambiato attribuendogli enorme popolarità e affetto.

All’Università di Siena Piero Angela aveva preso parte ai festeggiamenti per il Graduation Day del giugno 2019, l’evento che celebra i laureati dell’Ateneo, tenuto quell’anno per la prima volta in piazza del Campo (15 giugno 2019).

Nell’occasione gli era stata conferita la laurea Honoris Causa in “Strategie e tecniche della comunicazione”, per i suoi meriti nell’ambito della divulgazione scientifica. Piero Angela aveva tenuto la dissertazione intitolata "Il ruolo della tecnologia nella società moderna".

Lo salutiamo ricordando le sue stesse parole tratte dalla dissertazione: «Questa laurea è un marchio di qualità. E il linguaggio è la chiave che apre le porte della conoscenza. Il futuro sarà in gran parte determinato dalla capacità del nostro Paese di essere competitivo; è però difficile capire come sarà il futuro. L’Università vi ha preparato, ma non si finisce mai di studiare. Il messaggio che vi lascio è questo: cercate sempre l’eccellenza è non accontentatevi della routine. Il mondo sarà difficile, ma chi cerca l’eccellenza avrà sempre le porte aperte».

Il giorno precedente aveva preso parte, in un teatro dei Rinnovati colmo per l’occasione, all’incontro “Raccontare la scienza nell’era delle fake news", sul tema che tanto amava della divulgazione scientifica. È possibile riascoltare l’intervento all’indirizzo: https://bit.ly/3PlYq8g.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Palio del 16 agosto, l'organizzazione del 118 per il soccorso sanitario

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 13 agosto 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su