Coronavirus: la Lega scrive al sindaco riguardo l'utilizzo delle risorse per l'emergenza sociale

Pubblichiamo la lettera aperta inviata dal gruppo consiliare Lega Salvini Premier al sindaco del Comune di Poggibonsi Bussagli

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Caro Sindaco,

in un’ottica di leale collaborazione in un momento storico così difficile e provante per tutta la popolazione, in relazione alle risorse individuate dall’ordinanza in oggetto utili a fare fronte all’emergenza sociale che potrebbe scaturire dalla mancanza di derrate alimentari alla fascia di popolazione più debole ed indigente, ci preme dare il nostro contributo di idee per un utilizzo più parsimonioso possibile e che consenta, viste le esigue risorse previste in questa fase dal Governo, il più ampio aiuto possibile a chi veramente si trova in una situazione economica oggettivamente compromessa.

Prioritariamente occorrerà individuare la platea degli aventi diritto. Riteniamo le fasce ISEE non sufficienti a rappresentare le difficoltà economiche attuali, in quanto fotografano una situazione pregressa che rischierebbe ti tagliare fuori una buona parte di soggetti che oggi invece si trovano a fare fronte ad una situazione di reale difficoltà.

Stante il fatto di non voler appesantire di burocrazia una situazione già difficile che vede anche gli uffici pubblici in oggettiva difficoltà, si propone di accettare dai soggetti richiedenti, facendo riferimento all’intero nucleo familiare, un’autocertificazione di indigenza economica, specificando con la stessa che non si prendono altri sussidi pubblici, che sono senza lavoro e che non hanno a disposizione altra liquidità per fare fronte alle spese quotidiane per i generi alimentari e altri beni di prima necessità.

Rispetto alle modalità di spesa di tali risorse tra buoni spesa o acquisto di generi alimentari e prodotti di prima necessità, a nostro avviso risulterebbe essere preferibile un acquisto diretto delle derrate alimentari e di prodotti di prima necessità da parte del Comune il quale, anche avvalendosi del canale della protezione civile e/o delle associazioni del Terzo Settore presenti sul territorio, provvede alla suddivisione delle stesse in pacchi alimentari ed alla loro distribuzione.

Nel caso si propendesse invece per un utilizzo dei fondi attraverso l’erogazione di buoni spesa, il Comune dovrebbe consentire l’acquisto solo e soltanto di prodotti alimentari e di prima necessità preventivamente individuati in un paniere di acquisto prestabilito. Si raccomanda inoltre di verificare, in sede

Gruppo consiliare Lega Salvini Premier Comune di Poggibonsi

di domanda, se vi siano specifiche necessità legate ad allergie alimentari o altri fattori che potrebbero limitare l’acquisto.

Tuttavia, qualunque sia la soluzione che intendete adottare, ci preme che sia data la priorità di acquisto ai prodotti italiani e possibilmente a km 0 per sostenere i nostri produttori e la nostra economia. A tal fine, in un’ottica di sostegno anche delle piccole attività commerciali e dei negozi di vicinato, si consiglia di coinvolgere tutte le associazioni di categoria per verificare la disponibilità ad aderire ad una rete commerciale specifica per l’eventuale acquisto e distribuzione dei pacchi alimentari.

Nella speranza di aver fatto cosa gradita ed in attesa di una vostra risposta in merito, restiamo a disposizione per ogni chiarimento ed eventuale collaborazione.

Cordiali Saluti.

Riccardo Galligani (Capogruppo) Matteo Mengoli Daniele Mariniello Maria Angela Guerra

 

Potrebbe interessarti anche: Si maschera da cespuglio per sfuggire a controllo anti Covid-19

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie 

Pubblicato il 31 marzo 2020

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su