Covid, Firenze valuta restrizioni anti assembramenti nel weekend

Comune e prefettura potrebbero far scattare misure nei fine settimana

 FIRENZE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Zona gialla ma con restrizioni alla movida? Firenze ci pensa. Dopo le immagini dell'ultimo fine settimana in arancione, la folla del sabato in centro e la 'festa-ressa' di piazza Santo Spirito in occasione del 25 aprile, Comune e prefettura starebbero valutando l'adozione di nuovi provvedimenti anti assembramento. Misure che, se prese, potrebbero scattare il fine settimana e non nei giorni feriali, si spiega all'agenzia Dire da Palazzo Vecchio.

Il sindaco Dario Nardella, a Dubai per la presentazione del padiglione Italia dell'Expo, "è in stretto contatto" con il prefetto Alessandra Guidi. Al dossier, quindi, sta lavorando l'assessore alla Sicurezza Benedetta Albanese.

Le conferme arrivano anche dalla prefettura al termine del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica. "Nel corso di un prossimo, imminente, Cosp verrà valutata, anche sulla base degli approfondimenti tecnici demandati al tavolo del questore" Filippo Santarelli, presente alla riunione, "l'eventuale adozione di ulteriori misure di contenimento in funzione anti assembramento nelle zone urbane più a rischio".

Inoltre, si aggiunge in una nota, "anche in vista dei prossimi fine settimana, l'attivita' di controllo del territorio verrà confermata e ulteriormente rafforzata". Palazzo Medici Riccardi fa quindi il bilancio degli interventi messi in campo nel week-end dalle forze dell'ordine: a fronte di 4.500 controlli le persone sanzionate sono state 195. Tornando sulle restrizioni già sperimentate, lo scorso ottobre su piazza Santo Spirito è scattato il numero chiuso (non piu' di mille presenze); in altre zone calde della movida, invece, con ordinanze ad hoc è stato vietato lo stazionamento.

Fonte Agenzia Dire

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, Toscana in zona gialla: ecco le FAQ del governo

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 26 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su