Covid, il centro vaccinale di Certaldo ha aperto le porte

Le prime dosi sono state somministrate nella mattinata. Il sindaco Cucini: ''Adesso la potenzialità di vaccinazione è notevole''

 CERTALDO
  • Condividi questo articolo:
  • j

Ha aperto le porte questa mattina, lunedì 17 maggio 2021, il centro vaccinale di Certaldo, ospitato nel centro polivalente comunale "Antonino Caponnetto". Fin dalle 8.30, sono state somministrate le prime dosi di vaccino anti-Covid, nella struttura certaldese va ad aggiungersi, nell'Empolese Valdelsa, a quelle già avviate a Empoli e Fucecchio, contribuendo di fatto alla copertura dell'intero territorio degli undici comuni.

Soddisfazione è stata espressa da parte del sindaco di Certaldo, Giacomo Cucini, presente per portare i saluti dell'amministrazione comunale a tutti coloro che fin dalle prime ore di oggi si sono attivati per rendere realtà l'attività vaccinale e anche ai cittadini in attesa del loro turno, nei box realizzati ad hoc. Con lui anche il consigliere regionale Enrico Sostegni e alcuni sindaci del territorio, oltre ai responsabili delle associazioni di volontariato impegnate nella realizzazione e nella gestione della struttura.

"Ricordo perfettamente quando in giunta decidemmo di proporre il centro polivalente come hub - ricorda il sindaco Cucini - di dosi di vaccini, in quei giorni, ne arrivavano poche, ma già si parlava di una campagna vaccinale destinata a diventare di massa. Ci abbiamo creduto, lo abbiamo proposto ai sindaci del territorio, all'Asl e a Regione Toscana. Abbiamo condiviso uno schema organizzativo su tre centri vaccinali nell'area della Società della Salute Empolese Valdelsa e Valdarno. Abbiamo perseguito questa idea e oggi proprio questa idea è arrivata a compimento con l'apertura del centro vaccinale di Certaldo. Adesso la potenzialità di vaccinazione è notevole, fortunatamente la campagna ha avuto la sua svolta e le dosi di vaccino ci sono. Abbiamo la possibilità e la speranza di poter essere vicini ad arrivare in fondo a questa fase così drammatica per il nostro Paese. Grazie a tutti coloro che hanno fatto squadra con noi, in particolar modo le associazioni di volontariato e la Prociv, coordinata a livello di Unione dal sindaco delegato Paolo Masetti, e le realtà che si occupano della parte sanitaria: stanno dando un contributo enorme".

Potrebbe interessarti anche: Vaccini per i nati nel 1972 e 1973, agende aperte dalle 17 di oggi 17 maggio

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 17 maggio 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su