Debutta la Gran Banda del Cam: archi e sax uniti contro le discriminazioni

Un progetto che vede protagonisti 16 musicisti professionisti del Centro Attività Musicali di Empoli, con l'idea di accostare due strumenti e due repertori che solitamente sono separati

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Prendete due marching band (Badabimbumband e Alchimie Musicali) che stanno facendo la storia più recente del teatro di strada italiano; mettete due ordini di strumenti - i fiati da un lato e gli archi dall’altro - che suonano insieme se stanno nell’orchestra, ma è quasi impossibile vederli dialogare da soli; mettete la voglia di superare le convenzioni e coinvolgere chi ascolta in una grande festa… ed ecco “Contaminazioni”, il primo spettacolo di una nuova, grande, marching band, la “Gran Banda”.

Sabato 16 settembre alle ore 16.00 a Gambassi Terme ai giardini comunali, e a seguire alle 18.30 a Certaldo in via 2 giugno, debutta il progetto “Gran Banda” con lo spettacolo “Contaminazioni”. Un progetto che vede protagonisti 16 musicisti professionisti del Centro Attività Musicali di Empoli, con il coordinamento artistico di Terzostudio progetti per lo spettacolo, promosso dal Comune di Certaldo, Unione dei Comuni CIrcondario dell’Empolese Valdelsa, con il contributo della Città Metropolitana di Firenze, la collaborazione di Comune di Gambassi Terme e Comune di Montaione. Dopo il debutto del 16, lo spettacolo sarà anche a Montaione sabato 23 dicembre, ore 16 e ore 18, in piazza della Repubblica.

“Contaminazioni” è un progetto di teatro musicale urbano, che si appropria di un centro storico e per un giorno lo trasforma, usando musica e movimento senza soluzione di continuità, mischiando i generi musicali e grazie alla forza di linguaggio universale della musica rivolgersi a tutti i passanti, i cittadini come i forestieri, senza discriminazioni.

«L’idea di Gran Banda e di Contaminazioni è stata proprio quella di accostare due strumenti e due repertori che solitamente sono separati - spiega Sandro Tani, direttore del CAM e front man della Badabimbumband - è l’idea di un confronto giocoso che fa scoprire inedite possibilità di accostamento. Se gli archi da un lato proporranno arrangiamenti dell’Aria sulla quarta corda di Bach o della Quattro stagioni di Vivaldi (guidati dal violino di Elena Rocchini) i sax dal canto loro risponderanno con Smoke on the Water dei Deep Purple o con 21st Century Schizoid Man dei King Crimson. Un accostamento con momenti di confronto-scontro, ma anche di dialogo, fino ad arrivare a suonare all’unisono».

Uno stile irriverente e accattivante che gli spettatori di Mercantia conoscono bene, perchè la Gran Banda altro non è che il connubio fra le due street band più applaudite degli ultimi anni, che darà però frutti assolutamente nuovi.

Pubblicato il 15 dicembre 2017

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su