Decreto riaperture: come cambiano gli spostamenti dal 26 aprile

Attese le modalità con cui ci si potrà spostare tra le regioni

 ITALIA
  • Condividi questo articolo:
  • j

All’interno del decreto sulle riaperture un punto atteso è il pass che consentirà di spostarsi tra le regioni in fascia rossa e arancione. Sappiamo che per spostarsi tra regioni che si trovano in fascia di rischio arancione o rossa bisognerà essere vaccinati, essere guariti dal Covid oppure bisogna presentare un tampone antigenico o molecolare con esito negativo effettuato entro 48 ore. Tra le ipotesi prevalenti sul lasciapassare, la prima vede la possibilità di spostarsi a chi presenta un certificato della Asl o un autocertificazione che attesti i requisiti richiesti. La seconda ipotesi è ricorrere al tesserino sanitario, sul quale verrebbero caricati i dati. La terza ipotesi è invece realizzare un tesserino digitale. La Card digitale è l’ipotesi preferita dal ministro Speranza. Un’altra strada da poter intraprendere sarebbe quella di utilizzare l’App IO, già usata per il cashback, con un possibile coinvolgimento di Poste Italiane.

Dal 26 aprile sarà possibile spostarsi tra regioni gialle: ci si potrà spostare anche per il turismo senza alcun bisogno di autocertificazione. All’interno delle regioni arancione resterà in vigore il divieto di uscire dal proprio comune se non per motivi di urgenza, lavoro e salute. Il motivo dello spostamento va giustificato con l’autocertificazione. All’interno delle regioni rosse, continueranno a restare in vigore le stesse norme, si potrà uscire di casa solo per necessità, urgenza e salute. Non si può uscire dal proprio comune se non per gli stessi motivi elencati prima e autocertificazione.

Per le seconde case le regole non cambiano: resta consentito andare anche in fascia arancione e rossa, a meno che la regione non abbia emesso ordinanze restrittive. Resta alto il tono di discussione sul coprifuoco, pressioni delle regioni e dei ristoratori influenzano il dibattito politico. Per adesso il coprifuoco scatta alle 22 di sera fino alle 5 del mattino.

Per chi viaggia sembra rimanere l’obbligo di quarantena di cinque giorni per chi arriva dai Paesi dell’Unione Europea, e 14 giorni per chi torna in Italia dai Paesi extra Ue. Per consentire la ripartenza del turismo l’Europa sta pensando a un green pass che consente di circolare in sicurezza. La data attesa è quella del 1° giugno e dal mese di luglio sarà completamente operativa.

Potrebbe interessarti anche: Vaccini anti covid-19: la Toscana supera un milione di dosi

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 19 aprile 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su