Lamm Lavorazioni Metalliche

Donne & Fiori inaugura la Primavera dell'arte di Barberino Val d'Elsa

La mostra è aperta fino al 15 maggio nei giorni giovedì dalle ore 16:00 - 19:00,venerdì, sabato, domenica ore 10 - 13 e ore 16 - 19 con ingresso gratuito

 BARBERINO TAVARNELLE
  • Condividi questo articolo:
  • j

Sabato 9 aprile alle ore 17.30, il taglio del nastro per la collettiva d’arte che apre tra gli spazi dello Spedale dei Pellegrini a Barberino Val d’Elsa.

Profili ed espressioni di donna che entrano nei colori e nelle forme dell’arte. Fiori, disegnati, scolpiti, dipinti che inondano la primavera espressiva di Barberino Tavarnelle. La personalità e l’intensità del mondo femminile, accostata alla varietà e alla bellezza dell’universo sensibile e vegetale. Per la riapertura della stagione turistico-culturale del trecentesco Spedale dei Pellegrini, cuore medievale di Barberino Val d’Elsa, il borgo e il suo castello aprono le porte a diciannove talenti, diciannove modi diversi di approcciarsi all’arte e rappresentare il binomio Donne&Fiori. E’ questo il tema scelto per la collettiva che l’assessora al Turismo Tatiana Pistolesi inaugurerà domani, sabato 9 aprile alle ore 17.30, promossa dal Comune e curata dall'Associazione Culturale Operarte, presieduta da Milena Boschetti.

L’iniziativa, aperta fino al 15 maggio, unisce e intreccia i lavori di pittura, scultura, mosaico e grafica di un gruppo di artiste e artisti italiani e stranieri, provenienti dalla Toscana, dalla Liguria, dalla Sardegna, dalla Svizzera, che si sperimentano e fanno ricerca nei loro campi di intervento. Alcuni, con la pittura, tratteggiano sogni, raccontano su tela le emozioni e i caratteri essenziali della natura, dai colori della campagna toscana alle forme del paesaggio giapponese. Altri, con le potenzialità creative della scultura, si lasciano chiamare dalle pietre, dal marmo, danno vita alle visioni utilizzando i materiali più diversi. Ci sono anche artisti, come la ballerina pittrice, la grafica illustratrice, il fotografo mosaicista che realizzano nell'arte la loro unicità esprimendosi nella danza, nell’utilizzo delle tecniche digitali e nell’ispirazione del grande Anton Gaudì.

Gli artisti in mostra sono Cristina Andreini, Giovanna Baldini, Filippo Benci, Franco Berretti, Maria Antonietta Canalini, Alessandro Fedeli, Annamaria Foglia, Tiziano Lazzerini, Mirko Lepore, Maria Maselli, Stefano Mugnaioni, Renata Ornis, Anna Ranalli, Roberta Saccocci, Anna Serrini, Christiane Simond, Adolfo Straziati, Simona Tesi, Giada Ungredda.

“Uno dei borghi più pregiati del nostro territorio torna ad accogliere eventi d'arte utilizzando la sede di un palazzo storico e che al suo interno ospita anche l'Ufficio di informazioni turistiche, aperto da sabato 9 aprile - dichiara il sindaco David Baroncelli - la bella mostra, caratterizzata da un insieme di sguardi personali tutti diversi fra loro sulla dimensione femminile, è la nostra prima manifestazione del 2022 a Barberino Val d’Elsa, segno di una primavera artistica che offrirà fino al prossimo autunno occasioni di confronto e opportunità di arricchimento culturale nei borghi d’autore in cui la storia si mescola alla contemporaneità dei linguaggi artistici”.

La mostra è aperta fino al 15 maggio nei giorni giovedì dalle ore 16:00 - 19:00,venerdì, sabato, domenica ore 10 - 13 e ore 16 - 19.
Ingresso gratuito.

Per informazioni:
operartecampi@gmail.com
cultura@barberinotavarnelle.it

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: A Certaldo è il momento della Fiera del Boccaccio

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 8 aprile 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su