Droga, giovane sorpreso alla stazione di Poggibonsi con diversi grammi di marijuana

Sono scattate le sanzioni per detenzione di stupefacenti ad uso personale ed è stata approntata apposita segnalazione al Prefetto di Siena: si rischia, come sanzione amministrativa, la sospensione del passaporto, della patente di guida, della licenza di porto d’armi e dell’eventuale permesso di soggiorno. «Le attività a presidio del territorio proseguiranno costantemente battendo tutte le zone della Provincia maggiormente esposte a tali fenomenologie» assicurano i finanzieri

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Nell'attività di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, le Fiamme Gialle senesi, coadiuvato dai cani antidroga del Corpo, hanno eseguito alcuni controlli alla stazione di Poggibonsi. Decine di persone sono state esaminate dalle pattuglie con l'aiuto di due pastori tedeschi del Corpo, “Banda” e “Dankan”, appositamente addestrati per la ricerca di sostanze psicotrope occultate su soggetti o all’interno di bagagli. Il fiuto dei cani ha permesso ai finanzieri di non lasciarsi sfuggire un giovane con addosso, ben nascosti, diversi grammi di marijuana, già predisposti per il consumo personale, prontamente sequestrati dai militari.

Sono scattate, così, le sanzioni per detenzione di stupefacenti ad uso personale ed è stata approntata apposita segnalazione al Prefetto di Siena: si rischia, come sanzione amministrativa, la sospensione del passaporto, della patente di guida, della licenza di porto d’armi e dell’eventuale permesso di soggiorno.

«Le attività a presidio del territorio proseguiranno costantemente battendo tutte le zone della Provincia maggiormente esposte a tali fenomenologie - assicurano i finanzieri -. Il dispositivo messo in atto, ulteriormente rafforzato in coerenza alle linee di indirizzo impartite dall’autorità di vertice del Corpo, testimonia ancora una volta la costante tutela attuata su tutto il territorio di competenza a salvaguardia, in particolare, dei più giovani, della salute ed incolumità pubblica».

Pubblicato il 3 dicembre 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su