Due appuntamenti a San Gimignano per festeggiare la Liberazione: il primo con Fogliazza

L'artista, accompagnato dalle musiche originali con oud e chitarra di Emanuele Cappa, illustrerà "Vittorio - Restiamo umani", la storia di Vittorio Arrigoni

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Doppio appuntamento per le celebrazioni del 75° anniversario della Liberazione di San Gimignano dal nazifascismo. L'Amministrazione comunale di San Gimignano, in collaborazione con la locale sezione Anpi, ha organizzato due momenti per ricordare questa data importante per la comunità sangimignanese.

Il primo incontro sarà venerdì 12 luglio, alle 21.30, nel Cassero della Rocca di Montestaffoli, con il disegnatore Gianluca Foglia, in arte Fogliazza. L'artista, accompagnato dalle musiche originali con oud e chitarra di Emanuele Cappa, illustrerà "Vittorio - Restiamo umani", la storia di Vittorio Arrigoni, il reporter nato a Besana in Brianza ucciso il 15 aprile 2011 a Gaza in circostanze ancora da chiarire. "Guerriglia Radio", il blog di Vittorio Arrigoni, detto Vik, è stato il più seguito in Italia durante l'operazione "Piombo Fuso", la campagna militare lanciata dall'esercito israeliano nella Striscia di Gaza fra il dicembre 2008 ed il gennaio 2009. Arrigoni, infatti, era l'unico giornalista presente nella zona. E "Restiamo umani", motto sempre più diffuso, sono le due parole con le quali Vittorio chiudeva gli articoli che scriveva da Gaza. La serata di venerdì, ad ingresso gratuito, è possibile grazie al patrocinio del Comune di San Gimignano e alla collaborazione del Comitato soci di San Gimignano della Coop Centro Italia e della locanda Il Pino. In caso di maltempo, l'iniziativa si terrà nella sala Tamagni di via San Giovanni.

E sabato 13 luglio si svolgeranno le celebrazioni della Liberazione di San Gimignano. Nello stesso giorno del 1944 le truppe francesi, guidate dal generale François Sevez, e la IV divisione da montagna marocchina, con l'aiuto dei partigiani del IX distaccamento della «Brigata Spartaco Lavagnini», allontanarono gli occupanti nazifascisti. A partire dalle 21, sotto la loggia Vecchia di piazza Duomo, Andrea Marrucci, sindaco di San Gimignano, e il presidente dell'Anpi turrita, Guido Lisi, partigiano e protagonista diretto degli eventi che hanno permesso di liberare la città, porteranno i saluti, rispettivamente, dell'Amministrazione comunale e dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia. Il professore di Antropologia culturale Pietro Clemente, presidente dell'Istituto Storico della Resistenza Senese e dell'Età Contemporanea, terrà l'orazione ufficiale. Le celebrazioni si concluderanno con un concerto di brani patriottici a cura della Filarmonica "Giacomo Puccini", guidata dal maestro Massimo Ceccarelli. Anche in questa occasione la sezione Anpi di San Gimignano sarà presente con un punto informativo per il tesseramento all'associazione per l'anno in corso e per la diffusione del materiale informativo prodotto nel corso degli anni.

Pubblicato il 11 luglio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su