Ecco i consiglieri comunali eletti in Val d’Elsa. Intanto a Colle ci si prepara per il ballottaggio

Ovviamente dobbiamo ancora aspettare per sapere cosa succederà a Colle di Val d’Elsa, dove non è ancora stato eletto il sindaco e dove tutto è di nuovo in corsa per il ballottaggio del 9 giugno (si voterà anche in questo caso dalle 7.00 alle 23.00). I cittadini saranno chiamati a scegliere tra Alessandro Donati, candidato di Colle in Comune, Pd e La Sinistra per Colle, e Angela Bargi, candidata della lista civica SìAmo Colle e Lega per Colle

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Nella tabella sotto trovate i nomi e i cognomi, con le rispettive liste, di tutte le persone che andranno a comporre i nuovi consigli comunali, dopo le elezioni amministrative di domenica scorsa.

Ovviamente dobbiamo ancora aspettare per sapere cosa succederà a Colle di Val d’Elsa, dove non è ancora stato eletto il sindaco e dove tutto è di nuovo in corsa per il ballottaggio del 9 giugno (si voterà anche in questo caso dalle 7.00 alle 23.00). I cittadini saranno chiamati a scegliere tra Alessandro Donati, candidato di Colle in Comune, Pd e La Sinistra per Colle, e Angela Bargi, candidata della lista civica SìAmo Colle e Lega per Colle.

Sono cominciate le trattative e le consultazioni per capire che tipo di posizione prenderanno gli altri candidati non eletti Lodovico Andreucci, Francesco Di Gennaro e Monica Sottili. E si è ampiamente cominciato, anche sui social, un acceso confronto per individuare pregi e difetti di ciascuno e vagliare tutte le eventuali ipotesi.

Tante sono le voci che circolano sulla composizione di una possibile Giunta, tra queste quella di Stefano Nardi vice sindaco. Ma si discute anche sulla composizione del consiglio comunale, dove valgono le preferenze espresse per i candidati consiglieri nel primo turno. Sui sedici seggi totali, sei sono quelli riservati alla minoranza. Per stabilire chi ne farà parte viene utilizzato un sistema di tipo proporzionale: il "Metodo d’Hondt". Secondo questo sistema si dividono i voti ottenuti da ciascuna coalizione per una serie di coefficienti lunga fino al numero di seggi da assegnare e si assegnano quindi i seggi in base ai risultati in ordine decrescente, fino ad esaurimento (qui lo trovate spiegato in maniera dettagliata). Se vincesse Alessandro Donati, i consiglieri di minoranza sarebbero così distribuiti: 2 seggi alla coalizione Bargi, 2 seggi alla coalizione Andreucci, 1 seggio al Movimento 5 Stelle, 1 seggio a Io Cambio – Insieme si può. Se vincesse Angela Bargi invece: 3 seggi alla coalizione Donati, 2 seggi alla coalizione Andreucci e 1 al Movimento 5 Stelle.

Pubblicato il 30 maggio 2019

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su