"Effetto telecamere" sulla ZTL a Certaldo: da 8.500 a 1.850 auto al mese. Cucini: «Ripristinata la normalità»

L'amministrazione comunale rende noti i dati dei primi sei mesi di funzionamento del controllo con telecamere della ZTL di Certaldo Alto

 
  • Condividi questo articolo:
  • j

L'amministrazione comunale rende noti i dati dei primi sei mesi di funzionamento del controllo con telecamere della ZTL di Certaldo Alto.

Dopo un primo mese di sperimentazione, durante il quale le telecamere erano accese per monitorare il traffico ma senza sanzionare, e nel quale hanno transitato ben 8.418 veicoli, dal 5 maggio 2016, inizio del funzionamento completo, al 5 settembre 2016 (questo il periodo analizzato definitivamente ad oggi) sono transitati 7.404 veicoli (meno che nel solo mese di prova), di cui 2.058 sono stati sanzionati. 

Ben 1080 le autorizzazioni concesse, tra annuali e periodiche. Queste le diverse casistiche: residenti Centro storico 144; residenti via del castello 37; proprietari non residenti 15; imprese e associazioni 22; fornitori professionali 86; imprese di riparazione e manutenzione 61; strutture ricettive 52; ospiti di strutture ricettive 425; assistenza 37; invalidi 9; taxi 17; medici 14; matrimoni 161.

I dati sono stati resi noti ieri pomeriggio in Certaldo Alto, durante l'incontro della Giunta Comunale con i cittadini.

«Come avevamo detto lo scorso aprile, la regolamentazione della ZTL di Certaldo Alto è rimasta sostanzialmente la stessa da alcuni anni, ma dall'aprile 2016 abbiamo cambiato il sistema di sorveglianza per far sì che avesse accesso solo chi ne aveva realmente diritto – spiega il sindaco di Certaldo, Giacomo Cucini – una tutela necessaria per tutti: per il borgo medievale che non può sostenere un traffico eccessivo; per i residenti che vivono in un contesto particolare; per i turisti che vengono qui per visitare un gioiello unico e danno vita ad un indotto economico crescente. I numeri di questi primi mesi ci dicono chiaramente una cosa: quando non c'era il controllo elettronico in troppi accedevano a Certaldo Alto senza averne i requisiti, prova ne sia il fatto che durante la sperimentazione, nonostante il deterrente rappresentato dalle telecamere accese, anche se non sanzionanti, hanno transitato il quadruplo dei veicoli che avevano il diritto di farlo». 

«Abbiamo concesso le autorizzazioni necessarie ai mezzi che per vivere o lavorare devono recarsi in Certaldo Alto, trovando, credo, una giusta mediazione tra le esigenze di vita e lavoro e la tutela del bene comune che è il nostro borgo – conclude il sindaco – i numeri dimostrano quanto sia stata utile la scelta che l'amministrazione comunale, dopo un periodo di confronto con gli interessati, ha deciso di fare, al contrario di chi per questa scelta ha avuto solo parole di critica rivelatesi infondate: la migliore qualità di vita e attrattività del borgo lo confermano e, visti i risultati, non riteniamo necessario apportare nessuna significativa modifica al regolamento della ZTL. Ci auguriamo che queste cifre possano scendere ulteriormente, perchè meno automezzi transiteranno e più sarà piacevole e più a lungo resterà intatto il nostro borgo medievale».

Si ricorda che per richiedere le autorizzazioni, sia quelle periodiche, che temporanee, è stata predisposta un'apposita sezione del sito internet www.comune.certaldo.fi.it nel menu “Polizia Muncipale” da dove si può scaricare la modulistica, che può anche essere richiesta via mail a polizia@comune.certaldo.fi.it o ztlcertaldo@empolese-valdelsa.it, o in forma cartacea presso il Comando territoriale di Polizia Municipale, Borgo Garibaldi 37, orario da lunedì a sabato 9.00 – 12.00, presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico, piazza Boccaccio 13, in orario da lunedì a sabato, ore 8.30 – 12.30 il martedì e giovedì anche ore 15.30 – 18.30. 

Le domande per i permessi periodici dovranno poi essere consegnate all'Ufficio Protocollo, presso l'URP. Per informazioni e chiarimenti, Comando territoriale di Polizia Municipale tel. 0571 668547.

Pubblicato il 27 ottobre 2016

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su