Elezioni, Insieme Poggibonsi: «Per la prima volta la maggioranza contro il centrosinistra»

«Dopo 60 anni di monocolore, per la prima volta a Poggibonsi c'è una maggioranza di elettori contrari al centro sinistra e al Pd. Nello stesso collegio dove la Ministra Fedeli ha perso contro la candidata del Centrodestra, e la parlamentare Susanna Cenni vince per soli 2 punti percentuali, a Poggibonsi si è registrata la svolta che da anni si stava aspettando». La lista civica Insieme Poggibonsi commenta così i risultati delle elezioni 2018 a Poggibonsi

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

«Dopo 60 anni di monocolore, per la prima volta a Poggibonsi c'è una maggioranza di elettori contrari al centro sinistra e al Pd. Nello stesso collegio dove la Ministra Fedeli ha perso contro la candidata del Centrodestra, e la parlamentare Susanna Cenni vince per soli 2 punti percentuali, a Poggibonsi si è registrata la svolta che da anni si stava aspettando». La lista civica Insieme Poggibonsi commenta così i risultati delle elezioni 2018 a Poggibonsi.

«Il Pd - aggiunge -, nonostante controlli ancora tutte le leve del potere, perde oltre 1.600 voti rispetto al 2013. I risultati di queste elezioni aprono scenari positivi per le elezioni comunali 2019. Oggi se tutte le forze contrarie a questa giunta si uniscono possono riuscire nell’impresa di raggiungere il governo di questa città, per risolvere i problemi concreti del lavoro, della sicurezza, della sanità, della viabilità dei servizi, delle imprese. Far ripartire la città dopo anni di immobilismo e cattiva amministrazione è oggi possibile. Finiti i soldi del Monte dei Paschi e senza Governo Nazionale, stiamo assistendo allo sgretolamento di un sistema autoreferenziale e chiuso. Tutto questo mentre la città ha bisogno di un deciso cambio di passo. Come lista Civica confidiamo che le attuali forze di opposizione e tutti quelli che non si riconoscono più in questa giunta e maggioranza, ormai distanti anni luce dai bisogni reali della città, si riuniscano per trovare un’alternativa comune».

Pubblicato il 7 marzo 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy
  * Sì, acconsento

Torna su