Emergenza Covid nelle RSA, nuovo impegno della Regione al fianco delle strutture

La Regione Toscana, su proposta dell’assessora al sociale, Serena Spinelli, ha adottato due delibere che interessano le Residenze Sanitarie Assistenziali (Rsa)

 TOSCANA
  • Condividi questo articolo:
  • j

Le delibere intervengono su due fronti al fine di garantire l’efficacia e la sostenibilità del sistema. La prima si inserisce nel solco delle Ordinanze 93 e 112 e fornisce un indirizzo chiaro circa la modalità di gestione delle Rsa che abbiano ospiti positivi, definendo il riconoscimento dei costi e le forme di collaborazione tra Rsa e Aziende sanitarie, armonizzandole per le tre aree vaste. La seconda individua risorse da riconoscere alle Rsa sia per i maggiori costi sostenuti relativi alle misure di prevenzione e la sicurezza, sia per i minori ingressi registrati a causa delle misure anti-Covid, per un totale di 20 milioni di euro.

“Con questi due provvedimenti - dichiara l’assessora regionale alle politiche sociali, Serena Spinelli - frutto del tavolo che abbiamo istituito con Asl, gestori e organizzazioni sindacali, abbiamo reso omogenei i trattamenti su tutto il territorio regionale e abbiamo riconosciuto i maggiori costi sostenuti, superando la logica dei ristori e consentendo una più adeguata programmazione nell’interesse dei lavoratori del settore, degli ospiti e dei loro familiari. Le Rsa da mesi affrontano con impegno una situazione che continua ad essere complessa e siamo consapevoli che da parte dei gestori restano ulteriori sollecitazioni e richieste. Con queste delibere abbiamo ritenuto di mettere subito risorse a disposizione, confermando l’impegno ad un confronto costante con le strutture per affrontare insieme le difficoltà della gestione, riconoscere le loro attività e guardare alle prospettive future”.

La delibera per la corretta presa in carico degli ospiti positivi, che fa seguito alle ordinanze 93 e 112, consente e disciplina la collaborazione tra il personale privato che opera nelle Rsa e il personale pubblico in servizio presso le Asl, definendo i compiti degli uni e degli altri.

Nel caso di subentro della Asl nella gestione della struttura si sono riconosciuti 6 euro in più per i costi aggiuntivi legati agli obblighi di prevenzione e sanificazione. E’ invece pari a 132 euro la quota giornaliera per ogni soggetto positivo ospitato, se la sua gestione è a cura della stessa Rsa. Inoltre, dal 1 gennaio fino al termine dell’emergenza, sono riconosciuti 3 euro aggiuntivi per le maggiori spese di prevenzione e sanificazione a cui si aggiunge il 40% della quota sanitaria per i posti non occupati a causa del Covid. Questi ultimi sono riconosciuti a quelle strutture che non abbiano attivato gli ammortizzatori sociali.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: 459 casi in provincia di Firenze, di cui 125 in zona empolese

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 31 marzo 2021

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su