Bisniflex Poggibonsi showroom

Emergenza Ucraina, incontro di coordinamento con associazioni e parrocchie

Borgianni: ''Ringraziamo tutte le persone che si sono attivate e rese disponibili. In un contesto drammatico e in piena evoluzione mettiamo in rete disponibilità, richieste e anche informazioni necessarie per attivare le procedure''

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Si è svolto ieri, 7 marzo, a palazzo comunale un incontro convocato dall’amministrazione per fare rete a livello territoriale nel gestire i tanti aspetti legati all’emergenza ucraina, in particolare sul fronte accoglienza. “Ringraziamo tutti i presenti, associazioni e parrocchie, e tutte le persone e le realtà che si sono immediatamente attivate e hanno dato la loro disponibilità per aiutare la popolazione ucraina - dice l’assessore alle Politiche Sociali Enrica Borgianni - la situazione è in piena evoluzione e ci vede partecipi di un percorso coordinato dalla Regione Toscana e dalla nostra Prefettura. In questo contesto, con la nostra Protezione Civile, la Fondazione Territori Sociali Altavaldelsa e gli altri servizi comunali interessati, abbiamo voluto attivare un coordinamento territoriale per condividere informazioni, disponibilità, richieste”.

La prima necessità a cui rispondere è infatti quella di censire le persone che sono arrivate e che arriveranno sul territorio attraverso la rete amicale e parentale. Sulla base delle disposizioni governative la Prefettura di Siena ha indicato la possibilità di accogliere le persone che arrivano sul territorio tramite canali istituzionali attraverso i progetti Cas attivati appositamente. Si ricorda a tal proposito che i cittadini Ucraini possono segnalarsi o essere censiti attraverso il numero verde 800-556060 istituito dalla Regione Toscana e che permetterà loro l’inserimento nei percorsi istituzionali.

Tuttavia anche l’arrivo tramite rete amicale e parentale ha bisogno di essere segnalato per consentire l’attivazione di tutti i percorsi necessari, a partire da quello sanitario.

Per cui la prima azione da fare in caso di arrivo di amici o parenti ucraini è quella di fare apposita segnalazione alla Prefettura in modo da attivare l’Azienda Sanitaria e altre possibili azioni, dall’inserimento scolastico all’accesso ai servizi sociali, all’aiuto nel reperimento di vestiario, medicinali e altri generi di prima necessità.

Il Comune ha attivato una apposita mail emergenza.ucraina@comune.poggibonsi.si.it alla quale scrivere per avere informazioni e con la quale il Comune e le associazioni del territorio condivideranno le informazioni per censire i cittadini Ucraini presenti e acquisire bisogni e necessità relative all’accoglienza. “Ogni possibile gestione dell’emergenza passa dalla conoscenza delle situazioni presenti - dice Borgianni - in questa fase è fondamentale dare tempestiva comunicazione  della presenza di cittadini arrivati per vie amicali. In una situazione drammatica che ci spinge ogni minuto a ribadire il nostro no alla guerra e la nostra richiesta di pace, facciamo rete per riuscire nell’immediato a dare una mano a chi ne ha necessità. Grazie a tutti per questa bella ondata di solidarietà che fa bene al cuore”.

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Anpana inaugura una nuova panchina rossa alla Fonte delle Fate

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 8 marzo 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su