Empoli, nuova ordinanza di divieto di accensione fuochi all'aperto. Permangono gli sforamenti di PM 10

Divieto dunque dell’accensione di fuochi all’aperto e abbruciamenti di sfalci, potature, residui vegetali o altro per 5 giorni a partire dall’ avviso odierno di ARPAT e, quindi, come è stato già menzionato sopra, fino a sabato 31 dicembre 2016. Il provvedimento del Sindaco potrà essere nuovamente emanato fino alla data del 31 marzo, ogni volta che perverrà una nuova comunicazione da parte di ARPAT relativa al raggiungimento del livello di criticità 2. Il Comando della Polizia Municipale è stato incaricato di provvedere alla verifica dell’esecuzione di quanto disposto

  • Condividi questo articolo:
  • j

L’Arpat, Agenzia regionale per la Protezione ambientale della Toscana, ha comunicato in data odierna un nuovo raggiungimento del livello di criticità 2 nell'area di superamento denominata “Comprensorio del Cuoio di Santa Croce sull’Arno”, in cui è stato inserito anche il territorio del Comune di Empoli unitamente ad altri comuni della zona.
Per questo da oggi, martedì 27 e fino a sabato 31 dicembre, per un totale di cinque giorni, è in vigore un’ulteriore ordinanza sindacale che vieta l’accensione di fuochi all’aperto e invita a limitare l'utilizzo degli impianti di riscaldamento e delle automobili prediligendo i mezzi pubblici.  
Il provvedimento si è reso necessario visto il persistere delle condizioni meteo-climatiche favorevoli alla formazione degli inquinanti nell’aria che non si prevede possano mutare nei prossimi giorni.

Divieto dunque dell’accensione di fuochi all’aperto e abbruciamenti di sfalci, potature, residui vegetali o altro per 5 giorni a partire dall’ avviso odierno di ARPAT e, quindi, come è stato già menzionato sopra, fino a sabato 31 dicembre 2016. Il provvedimento del Sindaco potrà essere nuovamente emanato fino alla data del 31 marzo, ogni volta che perverrà una nuova comunicazione da parte di ARPAT relativa al raggiungimento del livello di criticità 2.
Ricordiamo che gli sforamenti del limite di emissione delle polveri sottili PM 10, sono registrati dalla centralina a cui fa riferimento il Comune di Empoli, situata a Santa Croce sull'Arno.

Il Comando della Polizia Municipale è stato incaricato di provvedere alla verifica dell’esecuzione di quanto disposto assumendo le eventuali iniziative previste per i contravventori che saranno puniti a termini di legge.
Si invita pertanto la cittadinanza a segnalare alla Polizia Municipale eventuali casi di abbruciamento, ricordando che il mancato rispetto dell’ordinanza sindacale comporterà una denuncia penale ai sensi dell’articolo 650 del Codice Penale.

Pubblicato il 27 dicembre 2016

  • Condividi questo articolo:
  • j
Torna su