Empoli piange la scomparsa di Franco Sanseverino, grande maestro di pugilato della boxe empolese

Durante la carriera da allenatore è riuscito a forgiare vari campioni: da Francesco Guarino, nella categoria Pesi Mosca, a Massimo Mitolo nei Superleggeri, fino a Andrea Scardigli, detto 'Il Maremma', campione italiano dilettanti nel '79, in nazionale nel 1984 nella categoria superwelter e di nuovo campione italiano da professionista

Commenti 1
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

L'amministrazione comunale di Empoli esprime profondo cordoglio per la scomparsa di Franco Sanseverino, avrebbe compiuto 71 anni il prossimo 10 gennaio. Abitava a Marcignana, lascia moglie e due figli.

Figura storica del pugilato empolese, è stato atleta dilettante negli anni '60 per poi passare professionista negli anni '70 con la Scuderia Sconcerti, militando nella categoria dei Super Leggeri.

Anche dopo aver cessato l'attività agonistica non ha lasciato la palestra e, a partire dalla metà degli anni '70, si è dedicato all'insegnamento che ha portato avanti fino a oggi trasmettendo a tante generazioni di ragazzi empolesi, e non, la nobile arte nella sede storica della boxe a Pontorme, sopra il Circolo Arci.

Durante la carriera da allenatore è riuscito a forgiare vari campioni: da Francesco Guarino, nella categoria Pesi Mosca, a Massimo Mitolo nei Superleggeri, fino a Andrea Scardigli, detto 'Il Maremma', campione italiano dilettanti nel '79, in nazionale nel 1984 nella categoria superwelter e di nuovo campione italiano da professionista.

Lo descrivono come uomo dalla tenacia incrollabile. Aveva numerosi altri interessi oltre alla boxe: un grande amore per i cavalli, lui stesso oltre a cavalcare comprava il cuoio per realizzare cinghie, finimenti e perfino selle, inoltre era maestro nell'arte del vetro. I funerali si volgeranno domani, venerdì 28 dicembre, nella chiesa di Marcignana alle 15.

«Sono profondamente addolorato dalla morte di Franco - afferma l'assessore allo sport Fabrizio Biuzzi -. E' stato un personaggio importante nel panorama sportivo cittadino e in questi anni il rapporto con lui è sempre stato molto stretto e improntato a una collaborazione volta a dare risalto al pugilato e agli atleti empolesi che lo praticano. Sempre gentile e disponibile, credo che mancherà molto a tutti noi, ma sono sicuro che il suo esempio rimarrà nelle nuove generazioni che lo hanno conosciuto e che lo hanno avuto come maestro nello sport che lui amava così tanto».

Pubblicato il 28 dicembre 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Commenti

  1. Avatar
    francesco aiazzi 28/12/2018

    ADDIO ad un grande uomo,leale sincero,un combattente sempre....
    Con immenso dispiacere,devo dare l'addio ad un mio grande amico,maestro per me nel Pugilato e nella Lavorazione del Vetro, i miei primi" ANIMALETTI" incristallo li devo a Lui. Che dire, in palestra con noi pugili era come un padre. Donava tutto se stesso allo sport che aveva praticato con ottimi risultati, nel lavoro era veramente bravo,uno di quei maestri di una volta,che purtroppo non tornano più. Come mio padre Puskas, anche lui nella vita si era fatto da solo,con le proprie forze,la tenacia,la volontà ferrea che li contrastingueva dagli altri. ADDIO FRANCO,ci hai lasciato troppo presto,CIAO..........UN AFFETTUOSO ABBRACCIO ALLA SIGNORA ED AI DUE RAGAZZI CHE RICORDO PICCOLI. GRAZIE FRANCO PER TUTTO CIò CHE CI HAI INSEGNATO

Lascia un commento

Ho preso visione dell'informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su