Erp a Staggia, il gruppo ‘Civiche Insieme’ presenta un’interrogazione per denunciare il disagio e il degrado

«Gli alloggi ERP di Via della Pace a Staggia Senese, seppure di recente costruzione, versano in condizioni di forte degrado da molti anni – si legge nella nota - Gli scarichi fognari traboccano nei garage e negli appartamenti, l’ascensore non è mai entrato in funzione, il che limita l’accessibilità dei piani superiori da parte di persone disabili (obbligo imposto dalla legge 13/1989), infiltrazioni d’acqua, intonaci staccati e muffe in molti locali. È da segnalare inoltre l’evidente degrado del piazzale/parcheggio con pozzetti e griglie a terra disconnessi che risultano potenzialmente pericolosi per gli stessi assegnatari ed eventuali visitatori e oltretutto il piazzale risulta anche carente di illuminazione»

 POGGIBONSI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Il Gruppo consiliare Civiche Insieme ha presentato una interrogazione per sollecitare un intervento del Comune di Poggibonsi, in qualità di proprietario dell’immobile, per risolvere la situazione in cui versano le case di via Pace a Staggia.

«Gli alloggi ERP di Via della Pace a Staggia Senese, seppure di recente costruzione, versano in condizioni di forte degrado da molti anni – si legge nella nota - Gli scarichi fognari traboccano nei garage e negli appartamenti, l’ascensore non è mai entrato in funzione, il che limita l’accessibilità dei piani superiori da parte di persone disabili (obbligo imposto dalla legge 13/1989), infiltrazioni d’acqua, intonaci staccati e muffe in molti locali. È da segnalare inoltre l’evidente degrado del piazzale/parcheggio con pozzetti e griglie a terra disconnessi che risultano potenzialmente pericolosi per gli stessi assegnatari ed eventuali visitatori e oltretutto il piazzale risulta anche carente di illuminazione».

«Tante famiglie vivono da anni in questa situazione di degrado in condizioni igieniche sanitarie precarie – aggiungono le liste civiche -. Gli alloggi sono dati in locazione dietro corrispondenza di un canone, comprensivo di oneri di gestione delle parti comuni, per cui ci si aspetta un trattamento idoneo a garantire la dignità abitativa di tutte le donne e gli uomini in situazione di svantaggio economico e sociale, quali sono gli assegnatari».  

Il gruppo consigliare ha presentato una interrogazione per chiedere al Sindaco di contenere il più possibile il disagio abitativo di questi nuclei familiari. «Vogliamo sollecitare – conclude il comunicato - l’Amministrazione comunale a farsi almeno promotrice di riunioni periodiche tra propri Addetti e gli utilizzatori del fabbricato, per condividere le problematiche già evidenziate e pianificare gli interventi necessari».

Pubblicato il 22 dicembre 2019

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su