Vivaio Il Roseto

Ezio Nannetti, una vita da benzinaio, festeggia i suoi cento anni in famiglia

Cento anni, un grande traguardo raggiunto da un altro cittadino empolese, Ezio Nannetti, che domenica 24 luglio 2022, ha festeggiato tra l'affetto della sua grande famiglia

 EZIO NANNETTI
  • Condividi questo articolo:
  • j

Cento anni, un grande traguardo raggiunto da un altro cittadino empolese, Ezio Nannetti, che domenica 24 luglio 2022, ha festeggiato tra l’affetto della sua grande famiglia.
L’amministrazione comunale lo ha omaggiato con una pergamena ricordo e un dono floreale, consegnati dall’assessore comunale Adolfo Bellucci.

Lavoratore instancabile, il signor Ezio comincia come operaio nel distributore di Piazza Garibaldi, a Porta Pisana, sotto il palazzo delle aste giudiziarie. Erano gli anni '50 - '60. Successivamente ne diventa titolare. Un lavoro che gli ha consentito di conoscere tantissime persone che ancora lo ricordano per la gentilezza, la serietà, la stima e che gli vogliono un gran bene. Quel distributore resta attivo fino alla fine degli anni Ottanta. Ma il ‘benzinaio’ Ezio non si ferma e porta la sua attività in viale Francesco Petrarca, insieme alla nuova generazione della famiglia che sta crescendo. Anche da pensionato, fino all’età di novanta anni, va a salutare i clienti, a fare due chiacchere e godersi ancora il tempo del lavoro.
Il signor Ezio è nonno di Valerio e bisnonno di Giulio e Cesare. Non è stato semplice fargli capire che forse era il momento di fare il ‘nonno’ a tempo pieno e di riposarsi a casa.

«E’ un bravo padre - racconta la figlia Graziella - vedovo da diciannove anni, è rimasto con me, sua unica figlia. Un uomo del passato con una numerosa famiglia alle spalle, da sempre unita. La classica famiglia di una volta, ci telefoniamo tra parenti, condividiamo tanti momenti della vita e c’è solo da dire grazie a ognuno di noi. Questa credo sia la grande forza di mio padre che ha trasmesso a tutti noi quei valori che nel mondo di oggi sembrano essere sbiaditi da un tempo differente, più veloce, ma comunque presenti anche nelle nuove generazioni».

Copyright © Valdelsa.net

Potrebbe interessarti anche: Un grazie: la gratificazione più bella per un volontario

Torna alla home page di Valdelsa.net per leggere altre notizie

Pubblicato il 25 luglio 2022

  • Condividi questo articolo:
  • j

Potrebbe interessarti

Torna su