Ferie delle Messi, a San Gimignano rivive il Medioevo

Un percorso emotivo tra colori e spettacoli che si susseguiranno dal venerdì pomeriggio al trionfo della domenica pomeriggio con il Corteo delle Messi

Commenti 0
  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Il Medioevo rivive a San Gimignano il 15-16-17 giugno con la Ferie delle Messi, manifestazione storico-medievale, organizzata dall’associazione I Cavalieri di Santa Fina e dal Comune di San Gimignano, che rievoca la celebrazione dei raccolti (“le messi”).

I popoli delle quattro Contrade della città, San Giovanni, Piazza, Castello e San Matteo compongono la scenografia della festa e si sfideranno con le gare di tiro alla fune tra gli uomini, la gara della treccia tra le fanciulle, il tiro con l’arco e la Giostra dei Bastoni.

L’intrattenimento è affidato ai gruppi Tamburi, Chiarine e Bandiere, alle danzatrici di Medioevo in Danza, interni all’associazione e ai numerosi ospiti della festa: si parte il venerdì sera con “In Festa” di Gianluca Foresi, in arte Giullar Cortese, il Giullar Jocoso e la Dama della Luna, mentre il sabato allieteranno la giornata il gruppo Le Tre Cipolle, Onniveres e Sharon, la Compagnia del Santo Macinello e l’Associazione Arteare con lo spettacolo serale “Planetarium”.

Un percorso emotivo tra colori e spettacoli che si susseguiranno dal venerdì pomeriggio al trionfo della domenica pomeriggio con il Corteo delle Messi, composto da circa cinquecento figuranti che attraverseranno le vie della città e la Giostra dei Bastoni, gara a cavallo tra i campioni delle Contrade, il cui scopo è colpire per primi un elmo con un bastone al termine del tracciato.

Il vincitore della competizione è premiato con la Spada d’Oro in Piazza del Duomo e, la relativa contrada con il Drappellone raffigurante la patrona Santa Fina, realizzato dall’artista Luigino Ghezzi.

La cornice del suggestivo scenario medievale è completata dai mercatini a tema storico collocati in Piazza della Cisterna e in Piazza delle Erbe: in quest’ultima i visitatori potranno ammirare l’attività e l’arte degli artigiani del tempo, con fabbri, vasai, filatrici, conciatori, pellicciai, erboristi e calzolai a cura dell’associazione Antichi Mestieri di Medicina.

La Rocca di Montestaffoli ospita all’esterno l’esposizione delle macchine da guerra medievali, mentre nel cassero risiedono l’accampamento degli Arcieri di Castelvecchio, gruppo dell’associazione, e della Compagnia di tiro con l’arco storico medievale “Le Fenici” di Piombino e la Taverna delle Meraviglie, dove i visitatori troveranno ristoro.

Contribuiranno alla manifestazione con le proprie esibizioni gli ospiti ricorrenti della Ferie delle Messi: la Fanfarenzug di Meersburg, città tedesca gemellata con San Gimignano e gli Sbandieratori di Città de L’Aquila.

La manifestazione è ad ingresso libero e tutte le informazioni sono reperibili sul sito web dei Cavalieri www.cavalieridisantafina.it

Pubblicato il 15 giugno 2018

  • Condividi questo articolo:
  • c
  • d
  • j

Lascia un commento

Ho preso visione dell’informativa privacy
  * Acconsento

In relazione al trattamento dei miei dati personali, relativamente alle finalità di Marketing diretto mediante invio di materiale informativo e/o pubblicitario mediante email o newsletter, strumenti di messaggistica o telefono
  Acconsento

Torna su